Caricamento...
Sei qui:  Home  >  Prima Pagina  >  Articolo corrente

Budapest 2013: Baldini
ci porta in finale

Di   /  12 Agosto 2013  /  2 Commenti

Foto: Augusto Bizzi

Foto: Augusto Bizzi

BUDAPEST 2013. Si aprono le porte della finale per l’Italia di fioretto maschile. Andrea Baldini, Andrea Cassarà, Valerio Aspromonte e Giorgio Avola dovranno vedersela con gli Stati Uniti del campione del Mondo Miles Chamley-Watson nella finale che vale il titolo iridato (ore 19.00). I ragazzi del Commissario tecnico, Andrea Cipressa, sono giunti in finale dopo un percorso che li ha visti superare dapprima la Repubblica Ceca, col punteggio di 45-26 ed a seguire la Gran Bretagna per 45-33.

In semifinale la sfida thrilling con la Russia. Un assalto dalle mille emozioni che ha visto l’Italia in vantaggio per tre/quarti del match, prima della rimonta russa e del sorpasso. A chiudere i conti è stato l’ultimo frazionista, Andrea Baldini, che a 49 secondi dalla fine del match si trovava dinanzi un segnapunti che mostrava un 43-41 in favore della Russia. L’azzurro ha tirato fuori tutta la sua classe, riprendendo il punteggio, sino al 44-44 dove è stato bravo a concludere per il 45-44 che ha innescato i festeggiamenti azzurri per la certezza della medaglia.

Potrete seguire la finale su questa pagina grazie al feed video offerto dalla FIE e ripreso da Olympialab.

 

About

Manager di una multinazionale, da quasi 50 anni guardo allo sport con gli occhi sognanti dell'eterno ragazzo. Negli ultimi anni, fulminato dall'aria olimpica respirata nella mia Torino, ho narrato lo sport a cinque cerchi, quello che raramente trova spazio nei media tradizionali. Non disdegno divagazioni nel calcio, mettendo da parte l'anima tifosa, che può ancora regalare storie eccezionali da narrare a modo mio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Il Punto

    .....................................................

    21 Agosto 2016 12:35
    Il bilancio è positivo, ma manca il sistema

    MILANO. La Fiamma sta per spegnersi su un’Olimpiade controversa. Il bilancio non può che essere positivo, visto che siamo stati capaci di vincere in molti sport e di creare novità attorno a discipline poco considerate. Resta l’impressione di sempre. Quale? Semplice, all’Italia manca il sistema sportivo nazionale, manca quella lucida progettazione di sistema che progetti […]

  • Facebook

  • Pubblicità

  • Pubblicità

Potrebbe interessarti...

I numeri di un’Olimpiade finta: 312, 45 e 10

Leggi... →