Caricamento...
Sei qui:  Home  >  Prima Pagina  >  Articolo corrente

Campagna: “Settebello
aggredisci la Serbia”

Di   /  18 agosto 2016  /  Nessun commento

PALLANUOTO. Dopo l’impresa di ieri del Setterosa approdato alla finale olimpica, fra qualche ora è il momento del Settebello che sta per scendere in vasca contro la Serbia. Ecco le parole di Campagna: “Contro la Serbia sarà una semifinale straordinaria, difficile; ce la giocheremo fino alla fine. Ci sarà da soffrire; dovremo aggredirli e far emergere le loro ansie, paure. Non hanno mai conquistato la medaglia, ovvero quella olimpica e dovremo ricordarglielo ad ogni azione”.
Gli fa eco Matteo Aicardi: “Desidero ringraziare tutti i compagni perchè abbiamo battuto la nostra bestia nera e ci siamo riusciti giocando da squadra, dominando in attacco e in difesa. E’ una bella impresa. La squadra c’è e, anche se tecnicamente non siamo in pole position, abbiamo testa e cuore per equilibrare i valori. Ora contro la Serbia servirà forza ed umiltà”.

About

Di professione #sharindaddy, racconto storie da 30 anni. Ho un futuro dietro le spalle fatto di un Mondiale e due Olimpiadi, ma anche di esperienze giornalistiche in ogni tipo di medium (oh, è latino, mi raccomando). Amo il calcio, quello vero, ma da quando ho visto la fiamma olimpica non mi sono più riavuto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Il Punto

    .....................................................

    21 agosto 2016 12:35
    Il bilancio è positivo, ma manca il sistema

    MILANO. La Fiamma sta per spegnersi su un’Olimpiade controversa. Il bilancio non può che essere positivo, visto che siamo stati capaci di vincere in molti sport e di creare novità attorno a discipline poco considerate. Resta l’impressione di sempre. Quale? Semplice, all’Italia manca il sistema sportivo nazionale, manca quella lucida progettazione di sistema che progetti […]

  • Facebook

  • Pubblicità

  • Pubblicità

Potrebbe interessarti...

I numeri di un’Olimpiade finta: 312, 45 e 10

Leggi... →