Caricamento...
Sei qui:  Home  >  Prima Pagina  >  Articolo corrente

E’ sempre Dream Team
ancora Oro nel fioretto

Di   /  10 Agosto 2013  /  Nessun commento

Foto: Augusto Bizzi

Foto: Augusto Bizzi

BUDAPEST 2013. A questo punto dei Campionati Mondiali di Scherma di Budapest si può veramente dire meno male che c’è il Fioretto femminile. Oro e Bronzo nella prova individuale e la medaglia d’Oro nella prova a squadre dopo una finale contro la Francia nella quale Elisa Di Francisca, Carolina Erba e Arianna Errigo (coadiuvate nel corso della giornata da Valentina Vezzali) hanno dimostrato una superiorità imbarazzante che ha attraversato come un fil rouge tutta le giornata. Sono arrivate a 18 stoccate le povere francesi che pure erano riuscite a battere la Russia in semifinale.

E non è andata meglio alle altre avversarie di giornata; 18o stoccate inflitte per quattro vittorie nette e solo 69 incassate, come se si parlasse di due categorie diverse. Agli ottavi di finale il Brasile è stato superato 45-12, nei quarti la Cina 45-20, in semifinale la Corea del Sud 45-19. Nessuno ha superato le venti stoccate, pazzesco. E l’inno giocoso prima delle sfide, sulle note del musical “Fame-Saranno Famosi”, è più vero che mai:  “Siamo noi la nuova squadra, siamo l’Italia lo sai. Non è cambiato poi niente, il risultato vedrai. Tu vedrai, tu vedrai…”

About

Manager di una multinazionale, da quasi 50 anni guardo allo sport con gli occhi sognanti dell'eterno ragazzo. Negli ultimi anni, fulminato dall'aria olimpica respirata nella mia Torino, ho narrato lo sport a cinque cerchi, quello che raramente trova spazio nei media tradizionali. Non disdegno divagazioni nel calcio, mettendo da parte l'anima tifosa, che può ancora regalare storie eccezionali da narrare a modo mio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Il Punto

    .....................................................

    21 Agosto 2016 12:35
    Il bilancio è positivo, ma manca il sistema

    MILANO. La Fiamma sta per spegnersi su un’Olimpiade controversa. Il bilancio non può che essere positivo, visto che siamo stati capaci di vincere in molti sport e di creare novità attorno a discipline poco considerate. Resta l’impressione di sempre. Quale? Semplice, all’Italia manca il sistema sportivo nazionale, manca quella lucida progettazione di sistema che progetti […]

  • Facebook

  • Pubblicità

  • Pubblicità

Potrebbe interessarti...

I numeri di un’Olimpiade finta: 312, 45 e 10

Leggi... →