Caricamento...
Sei qui:  Home  >  Campionati  >  Articolo corrente

Gatlin avvisa Usain Bolt
A Eugene sui 100 fa 9″80

Di   /  4 Luglio 2016  /  Nessun commento

Usain Bolt

Un sedicenne Usain Bolt ai Mondiali Junior 2002

ATLETICA. Come un leone che sente l’odore del sangue della sua preda. Già, con la stessa capacità di reazione di una fiera Justin Gatlin, discusso capofila della batteria di frecce americane alla ricerca della riconquista del regno della velocità umana, ha dato risposta al “sanguinante” momento di Usain Bolt. Per avvisare il giamaicano infortunato, il campione Olimpico di Atene 2004, ha segnato i Trials di Atletica in corso di svolgimento a Eugene vincendo la semifinale della competizione con un 9’83” poi “ribassato a 9’80” nella finale nella quale ha trovato la valida resistenza di Trayvon Bromell (9″84) e Marvin Bracy (9″98). Male la prestazione di Tyson Gay, quindo in 10″03 e ridotto, di conseguenza, al ruolo di paggetto staffettista.

Certo non deve sentirsi benone il buon Usain, se è vero che, lasciato libero, il delfino Yohan Blake continua a scorazzare nelle dominazioni private di Bolt illuminando, nei Trials giamaicani, anche la finale dei 200 metri (senza il re) con il tempo, peraltro piuttosto normale da quelle parti, di 20″29.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Il Punto

    .....................................................

    21 Agosto 2016 12:35
    Il bilancio è positivo, ma manca il sistema

    MILANO. La Fiamma sta per spegnersi su un’Olimpiade controversa. Il bilancio non può che essere positivo, visto che siamo stati capaci di vincere in molti sport e di creare novità attorno a discipline poco considerate. Resta l’impressione di sempre. Quale? Semplice, all’Italia manca il sistema sportivo nazionale, manca quella lucida progettazione di sistema che progetti […]

  • Facebook

  • Pubblicità

  • Pubblicità

Potrebbe interessarti...

I numeri di un’Olimpiade finta: 312, 45 e 10

Leggi... →