Caricamento...
Sei qui:  Home  >  Notizie  >  Articolo corrente

Barcellona 2013: azzurri
in gara sabato 20

Di   /  19 Luglio 2013  /  Nessun commento

Linda-CeruttiBARCELLONA 2013. La prima atleta italiana in acqua ai Campionati Mondiali di Barcellona sarà Linda Cerruti, diciannovenne savonese, impegnata dalle 9 nella routine tecnica del solo alla piscina prefabbricata nel Palau Saint Jordi. Bronzo alle recenti Universiadi di Kazan, e settima ai mondiali di Shanghai, l’obiettivo è continuare a scalare la classifica. La finale è alle 19. Ma alle 14 sarà già la volta della routine tecnica della squadra capitanata da Manila Flamini. Senza la Cina si apre una posizione. Russia, Spagna, Ucraina e Giappone dovrebbero giocarsi il podio. Poi sarà bagarre.

Già dalle 10, però, potrebbe esserci odore di medaglie. Si nuota la 5 chilometri femminile di nuoto in acque libere al Moll De La Fusta. A sbracciare Rachele Bruni e Martina Grimaldi. La medaglia sulla distanza manca dal successo di Viola Valli proprio a Barcellona, nel 2003, che seguiva quello nelle torbide acque di Fukuoka del 2001. Bruni, ventiduenne fiorentina, viene dai successi europei a Eilat 2011 e Piombino 2012 e dal quarto posto dei mondiali di Shanghai 2011. Grimaldi, ventitreenne bolognese, è la nostra punta di diamante; bronzo olimpico nella 10 chilometri, non è mai salita su un podio internazionale su una distanza per lei atipica. La partenza è prevista alle 10; tre ore dopo sarà la volta della prova maschile con Luca Ferretti e Federico Vanelli. Per Vanelli, ventiduenne lodigiano, è l’esordio iridato. Ci arriva dopo il secondo posto nella 10 chilometri di Santos in coppa del mondo e l’exploit ai campionati italiani. Di lungo corso la presenza di Ferretti in Nazionale. Al quinto mondiale della carriera, il ventottenne livornese proverà a migliorare il quarto posto di Roma 2009 e a dare seguito alle medaglie europee conquistate a Piombino, col bronzo nella 5 Km e l’oro nel team event. L’ultimo successo risale a Fukuoka 2001 con Luca Baldini; la medaglia è più recente: bronzo di Simone Ercoli a Montreal 2005.

Alle 10 si aprono anche le gare dei tuffi. Dai trampolini della piscina municipal de Montijuic, Tania Cagnotto e Francesca Dallapè affronteranno i preliminari nel sincro trampolino. Le cinque volte campionesse europee, nonché vice campionesse mondiali a Roma 2009, sono a caccia del podio che cancellerebbe, almeno in parte, la delusione maturata col quarto posto olimpico a Londra 2012. Finali alle 17.30. Alle 14, la ricca giornata di gare, proseguirà con Michele Benedetti e Andreas Nader Billi nei preliminari da 1m. Entrambi puntano alle semifinali con vista per qualcosa di più dopo gli ultimi altalenanti risultati internazionali.

 

 

About

Manager di una multinazionale, da quasi 50 anni guardo allo sport con gli occhi sognanti dell'eterno ragazzo. Negli ultimi anni, fulminato dall'aria olimpica respirata nella mia Torino, ho narrato lo sport a cinque cerchi, quello che raramente trova spazio nei media tradizionali. Non disdegno divagazioni nel calcio, mettendo da parte l'anima tifosa, che può ancora regalare storie eccezionali da narrare a modo mio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Il Punto

    .....................................................

    21 Agosto 2016 12:35
    Il bilancio è positivo, ma manca il sistema

    MILANO. La Fiamma sta per spegnersi su un’Olimpiade controversa. Il bilancio non può che essere positivo, visto che siamo stati capaci di vincere in molti sport e di creare novità attorno a discipline poco considerate. Resta l’impressione di sempre. Quale? Semplice, all’Italia manca il sistema sportivo nazionale, manca quella lucida progettazione di sistema che progetti […]

  • Facebook

  • Pubblicità

  • Pubblicità

Potrebbe interessarti...

I numeri di un’Olimpiade finta: 312, 45 e 10

Leggi... →