Caricamento...
Sei qui:  Home  >  Notizie  >  Articolo corrente

Vezzali: “Obiettivo
è Rio 2016”

Di   /  7 Agosto 2013  /  Nessun commento

Foto: Augusto Bizzi

Foto: Augusto Bizzi

BUDAPEST 2013. “Arianna è stata brava: ha preso subito il sopravvento. Io invece ero un po’ ferma sulle gambe all’inizio e ho reagito troppo tardi. Magari, per la prossima volta, farò tesoro di questa sconfitta e proverò a imporre la mia scherma fin da subito”. Lo ha detto, ai microfoni di Sky, Valentina Vezzali, 13 volte medaglia d’oro ai Mondiali e 6 volte campionessa olimpica, dopo aver perso ai quarti di finale dei Campionati del Mondo di Budapest contro Arianna Errigo.  “Sono comunque contenta. E’ stata una bella esperienza, nonostante avessi fatto solo pochi giorni di allenamenti: ho messo alla luce Andrea due mesi e 20 giorni fa ed è un periodo felice”, ha aggiunto la campionessa di Jesi, che guarda già al prossimo obiettivo. “Adesso continuerò ad allenarmi. Per me Budapest è stato un punto di partenza. Il punto di arrivo, invece, sono le Olimpiadi di Rio de Janeiro nel 2016”, ha concluso Valentina.

 

About

Manager di una multinazionale, da quasi 50 anni guardo allo sport con gli occhi sognanti dell'eterno ragazzo. Negli ultimi anni, fulminato dall'aria olimpica respirata nella mia Torino, ho narrato lo sport a cinque cerchi, quello che raramente trova spazio nei media tradizionali. Non disdegno divagazioni nel calcio, mettendo da parte l'anima tifosa, che può ancora regalare storie eccezionali da narrare a modo mio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Il Punto

    .....................................................

    21 Agosto 2016 12:35
    Il bilancio è positivo, ma manca il sistema

    MILANO. La Fiamma sta per spegnersi su un’Olimpiade controversa. Il bilancio non può che essere positivo, visto che siamo stati capaci di vincere in molti sport e di creare novità attorno a discipline poco considerate. Resta l’impressione di sempre. Quale? Semplice, all’Italia manca il sistema sportivo nazionale, manca quella lucida progettazione di sistema che progetti […]

  • Facebook

  • Pubblicità

  • Pubblicità

Potrebbe interessarti...

I numeri di un’Olimpiade finta: 312, 45 e 10

Leggi... →