Caricamento...
Sei qui:  Home  >  DOPING & CO  >  Articolo corrente

La Stepanova sarà a Rio
con il placet della Iaaf

Di   /  2 luglio 2016  /  Nessun commento

La Stepanova sui media canadesi (foto tratta da cbc.ca)

La Stepanova sui media canadesi (foto tratta da cbc.ca)

ATLETICA. Yuliya Stepanova, la grande pentita dello scandalo doping che ha travolto la federazione russa, sarà al via delle Olimpiadi di Rio de Janeiro che andranno in scena dal 5 al 21 agosto prossimo. La Commissione di Rivista dei casi di doping della federazione internazionale di atletica leggera, formata dai membri Robert Hersh (presidente), Sylvia Barlag e Antti Pihlakoski ha deciso “all’unanimità di ammettere l’atleta Stepanova ai Giochi per l’enorme contributo dato alla lotta al doping e l’enorme coraggio mostrato nel suo percorso di riabilitazione”. Per la mezzofondista, squalificata due anni per uso di sostanze dopanti dal 2011 al 2013, ora si pone il problema della bandiera perché il Cio ha già stabilito che i riabilitati correranno sotto la baniera della loro nazione, ma la Russia, nella persona del presidente del Comitato Olimpico Alexander Zhukov, ha già fatto sapere che non ha intenzione di eleggerla nel team.

La Stepanova è solo uno degli ottanta atleti russi che hanno fatto domanda per essere ammessi ai Giochi di Rio da atleti indipendenti dopo lo scandalo, una delegazione capitanata dalla campionessa del salto con l’asta Yelena Isinbayeva e dai campioni mondiali di 110 ostacoli e dell’alto Sergey Shubenkov e Maria Kuchina. Per seguire la petizione al Tas del loro ricorso, la quale prevederà esami straordinari da parte della Commissione Doping della Iaaf, gli atleti russi si sono rivolti al più importante studio di cause sportive internazionali Morgan Sports Law con sede a Londra.

About

Di professione #sharindaddy, racconto storie da 30 anni. Ho un futuro dietro le spalle fatto di un Mondiale e due Olimpiadi, ma anche di esperienze giornalistiche in ogni tipo di medium (oh, è latino, mi raccomando). Amo il calcio, quello vero, ma da quando ho visto la fiamma olimpica non mi sono più riavuto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Il Punto

    .....................................................

    21 agosto 2016 12:35
    Il bilancio è positivo, ma manca il sistema

    MILANO. La Fiamma sta per spegnersi su un’Olimpiade controversa. Il bilancio non può che essere positivo, visto che siamo stati capaci di vincere in molti sport e di creare novità attorno a discipline poco considerate. Resta l’impressione di sempre. Quale? Semplice, all’Italia manca il sistema sportivo nazionale, manca quella lucida progettazione di sistema che progetti […]

  • Facebook

  • Pubblicità

  • Pubblicità

Potrebbe interessarti...

I numeri di un’Olimpiade finta: 312, 45 e 10

Leggi... →