Caricamento...
Sei qui:  Home  >  DIAMO I NUMERI  >  Articolo corrente

Pattinaggio: l’olandese Ter Mors, quarta nello Short Track e Oro in pista lunga

Di   /  16 Febbraio 2014  /  Nessun commento

TorMorsSOCHI 2014. L’olandese Jorien Ter Mors ha dovuto ieri accontentarsi del quarto posto nei 1500 metri di Short Track dietro ad Arianna Fontana ma si è rifatta oggi conquistando la medaglia d’Oro sulla stessa distanza ma in pista lunga, nel Pattinaggio di Velocità. Non andando ieri a medaglia, la ventiquattrenne di Enschede – che però avrà ancora l’opportunità nei 1000 metri dello Short Track, ha sfiorato una impresa che in tempi moderni non si è più registrata.

Nel dopoguerra solo il finlandese Heikki Hasu ha conquistato nella stessa Olimpiade due medaglie in due discipline diverse anche se non in due gare individuali. A Oslo 1952, il finlandese conquistò la medaglia d’Oro nella Staffetta di Fondo e l’Argento nella Combinata Nordica, due discipline che hanno almeno una parte in comune. Vinsero, invece, ma prima del secondo conflitto mondiale due medaglie individuali nella stessa edizione dei Giochi il norvegese Johan Grøttumsbraaten che nel 1924 a Chamonix vinse Argento nei 18 km di Fondo e Bronzo nei 50 km e nella Combinata Nordica; fece ancora meglio nel 1928 a St.Moritz dove vinse l’Oro sia nei 18 km di Fondo sia nella Combinata. Triplo Oro nel 1924 per il suo compagno Thorleif Haug nei 18 e nei 50 km di Fondo e nella Combinata oltre ad un quarto posto nel Salto. Ultimo a far parte di questa ristretta elite è ancora un norvegese, Oddbjørn Hagenche a Garmisch nel 1936 vinse l’Oro nella Combinata e l’Argento nei 18 km di Fondo.

 

 

About

Manager di una multinazionale, da quasi 50 anni guardo allo sport con gli occhi sognanti dell'eterno ragazzo. Negli ultimi anni, fulminato dall'aria olimpica respirata nella mia Torino, ho narrato lo sport a cinque cerchi, quello che raramente trova spazio nei media tradizionali. Non disdegno divagazioni nel calcio, mettendo da parte l'anima tifosa, che può ancora regalare storie eccezionali da narrare a modo mio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Il Punto

    .....................................................

    21 Agosto 2016 12:35
    Il bilancio è positivo, ma manca il sistema

    MILANO. La Fiamma sta per spegnersi su un’Olimpiade controversa. Il bilancio non può che essere positivo, visto che siamo stati capaci di vincere in molti sport e di creare novità attorno a discipline poco considerate. Resta l’impressione di sempre. Quale? Semplice, all’Italia manca il sistema sportivo nazionale, manca quella lucida progettazione di sistema che progetti […]

  • Facebook

  • Pubblicità

  • Pubblicità

Potrebbe interessarti...

I numeri di un’Olimpiade finta: 312, 45 e 10

Leggi... →