Caricamento...
Sei qui:  Home  >  Prima Pagina  >  Articolo corrente

Il golf alle Olimpiadi
“ucciso” dal virus Zika

Di   /  29 Giugno 2016  /  Nessun commento

La famiglia Day al completo sul profilo twitter del golfista (twitter.com)

La famiglia Day al completo sul profilo twitter del golfista (twitter.com)

GOLF. Il virus Zika ha fatto una prima vittima ai Giochi Olimpici di Rio de Janeiro, ancora prima della partenza. Si tratta del torneo di golf che ha ricevuto una lunga lista di defezioni proprio al suo ritorno dopo 102 anni di assenza sotto l’egida della bandiera olimpica. L’ultimo in ordine di tempo a dire “No grazie, non vengo” è l’odierno numero uno del mondo, l’australiano Jason Day. Con un post su Facebook twittato poi dall’Olympic Team dell’Australia, l’atleta ha commentato come “la partecipazione ai Giochi sia sempre stata uno dei miei obiettivi più grandi. Le preoccupazioni che sorgono dalla presenza del Virus Zika – ha continuato Day – mi impongono, tuttavia, di non rischiare perché il golf è la mia vita, ma non può avere la precedenza sulla sicurezza e la serenità della mia famiglia”. Sembra chiaro, quindi, che il torneo di golf è funestato dalla presenza del Virus che mette a rischio gli atleti, essendo uno sport che si gioca outdoor per molte ore. Prima dell’australiano a rinunciare erano stati nomi del calibro di Rory McIlroy, Marc Leishman, Vijay Singh, Branden Grace, Graeme McDowell e Louis Oosthuizen.

About

Di professione #sharindaddy, racconto storie da 30 anni. Ho un futuro dietro le spalle fatto di un Mondiale e due Olimpiadi, ma anche di esperienze giornalistiche in ogni tipo di medium (oh, è latino, mi raccomando). Amo il calcio, quello vero, ma da quando ho visto la fiamma olimpica non mi sono più riavuto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Il Punto

    .....................................................

    21 Agosto 2016 12:35
    Il bilancio è positivo, ma manca il sistema

    MILANO. La Fiamma sta per spegnersi su un’Olimpiade controversa. Il bilancio non può che essere positivo, visto che siamo stati capaci di vincere in molti sport e di creare novità attorno a discipline poco considerate. Resta l’impressione di sempre. Quale? Semplice, all’Italia manca il sistema sportivo nazionale, manca quella lucida progettazione di sistema che progetti […]

  • Facebook

  • Pubblicità

  • Pubblicità

Potrebbe interessarti...

I numeri di un’Olimpiade finta: 312, 45 e 10

Leggi... →