Caricamento...
Sei qui:  Home  >  Prima Pagina  >  Articolo corrente

Spada amara: Navarria
ai piedi del podio

Di   /  8 Agosto 2013  /  Nessun commento

Foto: Augusto Bizzi

Foto: Augusto Bizzi

BUDAPEST 2013. Nella prova di spada femminile dei Campionati Mondiali di Scherma di Budapest, Mara Navarria si ferma ai piedi del podio. L’azzurra, in pedana esattamente quattro mesi dopo aver dato alla luce il primogenito Samuele che l’ha seguita in tribuna, è stata eliminata nell’assalto valido per il podio, contro la russa Anna Sivkova, numero 4 del ranking mondiale, col punteggio di 15-12. “Un pò mi dispiace! – ammette a caldo Mara Navarria -Quando arrivi e senti il profumo del podio, inizi a crederci”.

Nel suo percorso di gara, Mara Navarria aveva staccato il pass per il tabellone delle 8, avendo vinto contro l’estone Kuusk per 12-7, dopo che aveva superato all’esordio col punteggio di 15-7 la portacolori del Lussemburgo, Lis Fautsch, e, nel tabellone delle 32, la cinese Xu per 15-7. E’ uscita sconfitta nel turno delle 16 Rossella Fiamingo che, dopo essere stata capace di superare nel tabellone delle 64, col punteggio di 15-10 la coreana Choi, per poi imporsi per 12-7 sulla romena Udrea nell’assalto del turno delle 32, è stata fermata dall’estone Beljajeva per 15-11. Si è invece fermata nel primo assalto di giornata la corsa delle altre due azzurre. Francesca Quondamcarlo è stata sconfitta per 15-13 dalla romena Pop, mentre Bianca Del Carretto è stata eliminata per mano della cinese Sun col punteggio di 15-14.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Il Punto

    .....................................................

    21 Agosto 2016 12:35
    Il bilancio è positivo, ma manca il sistema

    MILANO. La Fiamma sta per spegnersi su un’Olimpiade controversa. Il bilancio non può che essere positivo, visto che siamo stati capaci di vincere in molti sport e di creare novità attorno a discipline poco considerate. Resta l’impressione di sempre. Quale? Semplice, all’Italia manca il sistema sportivo nazionale, manca quella lucida progettazione di sistema che progetti […]

  • Facebook

  • Pubblicità

  • Pubblicità

Potrebbe interessarti...

I numeri di un’Olimpiade finta: 312, 45 e 10

Leggi... →