Caricamento...
Sei qui:  Home  >  DIAMO I NUMERI  >  Articolo corrente

SuperG: Jansrud costruisce l’Oro metro dopo metro

Di   /  16 Febbraio 2014  /  Nessun commento

SOCHI 2014. Otto concorrenti in 7 decimi di secondo all’arrivo, cinque a disputarsi la medaglia di Bronzo nello spazio di due decimi: il SuperG maschile merita l’analisi del suo andamento tempo intermedio per tempo intermedio per comprendere dove i protagonisti hanno costruito il loro risultato.

E’ gara di rimonta quella del norvegese Jansrud che conquista la medaglia d’Oro: quarto al primo intermedio, terzo al secondo, è il migliore ad interpretare l’ultima parte del tracciato effettuando il sorpasso decisivo a salendo, con margine, sul gradino più alto del podio. Lo statunitense Weibrecht, con il pettorale 29 ha il miglior intermedio per tre quarti di percorso con un paio di decimi di vantaggio su tutti; perde mezzo secondo esatto dal norvegese negli ultimi 18 secondi di gara e deve accontentarsi dell’Argento.

E’ interessante osservare la gara parallela tra Bode Miller e il canadese Hudec che al traguardo sono terzi pari merito: al primo intermedio il buon Bode ha 42 centesimi di vantaggio, si riducono a 27 al secondo intermedio, ridiventano 46 al terzo per svanire nel nulla nell’ultima parte di gara. Nei due settori tecnici lo statunitense ha stravinto la battaglia mentre il canadese ha pareggiato i conti nei tratti di pura velocità.

Peter Fill al primo intermedio dopo le curve secche sul muro di partenza è sul podio e precede anche Jansrud, perde posizioni su posizioni metro dopo metro: è quarto al secondo intermedio, quinto al terzo, ottavo al traguardo.

 

SuperG-Tecnica

About

Manager di una multinazionale, da quasi 50 anni guardo allo sport con gli occhi sognanti dell'eterno ragazzo. Negli ultimi anni, fulminato dall'aria olimpica respirata nella mia Torino, ho narrato lo sport a cinque cerchi, quello che raramente trova spazio nei media tradizionali. Non disdegno divagazioni nel calcio, mettendo da parte l'anima tifosa, che può ancora regalare storie eccezionali da narrare a modo mio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Il Punto

    .....................................................

    21 Agosto 2016 12:35
    Il bilancio è positivo, ma manca il sistema

    MILANO. La Fiamma sta per spegnersi su un’Olimpiade controversa. Il bilancio non può che essere positivo, visto che siamo stati capaci di vincere in molti sport e di creare novità attorno a discipline poco considerate. Resta l’impressione di sempre. Quale? Semplice, all’Italia manca il sistema sportivo nazionale, manca quella lucida progettazione di sistema che progetti […]

  • Facebook

  • Pubblicità

  • Pubblicità

Potrebbe interessarti...

I numeri di un’Olimpiade finta: 312, 45 e 10

Leggi... →