Caricamento...
Sei qui:  Home  >  Campionati  >  Articolo corrente

Volley Femminile A1:
via senza sorprese

Di   /  20 Ottobre 2013  /  Nessun commento

SerieAFPALLAVOLO. Inizia senza sorprese la Master Group Sport Volley Cup, il campionato di serie A1 di Volley femminile. Nell’anticipo di sabato la Rebecchi Nordmeccanica Piacenza aveva ricominciato da dove aveva finito l’11 maggio scorso. Le Campionesse d’Italia in carica hanno battuto 3-0 (25-20, 25-20, 25-19) la Banca di Forlì all’esordio nella Master Group Sport Volley Cup, ponendo i primi tre mattoni nella classifica di A1. Una gara di buon ritmo e per lunghi tratti equilibrata, nella quale le biancoblù hanno evidenziato notevolissime potenzialità e . Meijners è la migliore realizzatrice con 23 punti, il 57% in attacco e 3 muri.

Nella giornata di oggi, Bergamo e Conegliano hanno raggiunto Piacenza in testa alla classifica dove si è issata anche Modena che si è aggiudicata la battaglia di Castelletto Ticino con Ornavasso. La Foppapedretti Bergamo fa la voce grossa al PalaNorda contro la Igor Gorgonzola Novara. Diouf, non in perfette condizioni, parte dalla panchina e Stefano Lavarini schiera Klisura da opposto, con Blagojevic e Sylla in banda. Stefano Colombo sceglie inizialmente Mollers al palleggio opposta a Vanzurova, poi nel corso della partite inserisce Mi Na Kim e Harms. Le orobiche sbagliano poco, Weiss accende tutte le attaccanti, che si distribuiscono i punti: Klisura e Folie 10, Sylla e Blagojevic 8, Stufi 6. Le piemontesi si avvicinano e si allontanano nel punteggio ad elastico: nel secondo rientrano dal 10-16 al 20-22, nel terzo annullano sei match point consecutivi, prima di abdicare all’attacco di Blagojevic.

Soffre per un solo set – il secondo – e poi stende l’IHF Volley Frosinone con parziali inequivocabili. E’ l’Imoco Volley Conegliano di Marco Gaspari, che sceglie Tirozzi al posto di Barcellini e lancia Lloyd al palleggio. Dopo un primo set a senso unico, Angeloni suona la carica e le ciociare rialzano la testa, impattando sull’1-1. L’intesa tra Agostinetto e Gioli è da affinare, Percan si accende a intermittenza. Ne approfittano le pantere con Nikolova e Fiorin (rispettivamente 17 e 16 punti) a scavare un solco incolmabile nei set successivi. L’ultimo punto è di Tirozzi, la palma di MVP alla regista statunitense ex Busto.

In duemila al Palamico ad assistere a volley di alto livello. La matricola Ornavasso sfiora il colpaccio contro la Liu Jo Modena. Due match point non sfruttati nell’intensissimo finale di quarto set (finito 28-30) e il tentativo di rimonta nel tie break (dal 6-10 al 9-10) valgono comunque un punto in classifica per le api giallonere. Vince la squadra di coach Chiappafreddo, priva di Crisanti fermata da un problema fisico. Piccinini è una garanzia, tra Fabris e Rousseaux spunta la 18enne ex Villa Cortese Perinelli, che trasforma l’ace decisivo del quarto parziale e si prende grosse responsabilità nel quinto. Bellano ottiene molto da Loda, 23 punti e il 56% in attacco, e dalla coppia di centrali Chirichella-Tasca, 11 muri in due.

 

Risultati

Rebecchi Nordmeccanica Piacenza – Banca di Forlì 3-0 (25-20, 25-20, 25-19) giocata ieri
Foppapedretti Bergamo – Igor Gorgonzola Novara 3-0 (25-19, 25-21, 25-21)
Imoco Volley Conegliano – IHF Volley Frosinone 3-1 (25-9, 22-25, 25-10, 25-12)
Openjobmetis Ornavasso – Liu Jo Modena 2-3 (19-25, 25-23, 25-20, 28-30, 10-15)
Riposa: Robur Tiboni Urbino

About

Manager di una multinazionale, da quasi 50 anni guardo allo sport con gli occhi sognanti dell'eterno ragazzo. Negli ultimi anni, fulminato dall'aria olimpica respirata nella mia Torino, ho narrato lo sport a cinque cerchi, quello che raramente trova spazio nei media tradizionali. Non disdegno divagazioni nel calcio, mettendo da parte l'anima tifosa, che può ancora regalare storie eccezionali da narrare a modo mio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Il Punto

    .....................................................

    21 Agosto 2016 12:35
    Il bilancio è positivo, ma manca il sistema

    MILANO. La Fiamma sta per spegnersi su un’Olimpiade controversa. Il bilancio non può che essere positivo, visto che siamo stati capaci di vincere in molti sport e di creare novità attorno a discipline poco considerate. Resta l’impressione di sempre. Quale? Semplice, all’Italia manca il sistema sportivo nazionale, manca quella lucida progettazione di sistema che progetti […]

  • Facebook

  • Pubblicità

  • Pubblicità

Potrebbe interessarti...

I numeri di un’Olimpiade finta: 312, 45 e 10

Leggi... →