Caricamento...
Sei qui:  Home  >  Prima Pagina  >  Articolo corrente

Mersin 2013: si chiude
con l’Oro del Volley rosa

Di   /  30 Giugno 2013  /  Nessun commento

Mersin-ItaMencarelliGIOCHI DEL MEDITERRANEO. E’ arrivata anche la terza medaglia d’Oro del volley nei Giochi del Mediterraneo. Le azzurre di Marco Mencarelli hanno smentito i pronostici e battuto in finale 3-1 (23-25 25-22 25-23 25-21) la Turchia dell’ex-ct Massimo Barbolini, che giocava al gran completo in un impianto stracolmo e tutto a proprio favore. Grande impresa di Valentina Arrighetti e compagne, ottenuta giocando un’ottima partita contro una avversaria che non si e’ mai rassegnata alla sconfitta, nemmeno quando si e’ trovata in svantaggio 18-10 nel quarto set.

L’Italia ha giocato bene in tutti i fondamentali, facendo la differenza con una maggiore qualità del muro in cui si è esaltata Valentina Arrighetti (8 realizzazioni) e grazie alla potenza di una attaccante come Valentina Diouf uscita alla distanza. Gratificare una singola atleta sarebbe però ingeneroso per quello che è riuscita a fare tutta la squadra, dal libero De Gennaro, ai due martelli Bosetti (best scorer azzurro e sicuramente tra le più positive) e Barcellini, alle centrali Folie ed Arrighetti, finendo per la regista Signorile. L’Italia nel corso del torneo ha mostrato un gioco concreto in avanti, ma soprattutto ben registrato in ricezione e nella fase “muro-difesa”. Il sestetto di casa è parso poco brillante fisicamente e soprattutto impreparato davanti alle difficoltà. La vittoria azzurra è più che meritata e questo oro fa iniziare nel migliore dei modi la storia dell’Italia targata Marco Mencarelli.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Il Punto

    .....................................................

    21 Agosto 2016 12:35
    Il bilancio è positivo, ma manca il sistema

    MILANO. Il numero cinque fa pensare in questa domenica azzurra. Cinque come le Olimpiadi di Tania Cagnotto che, alla quinta Fiamma, vince un argento e un bronzo e chiude lì. La bolzanina ha insegnato a tutti una cosa: ci può essere un modo di interpretare l’appuntamento olimpico. Con serenità, con la serenità di chi sa […]

  • Facebook

  • Pubblicità

  • Pubblicità

Potrebbe interessarti...

I numeri di un’Olimpiade finta: 312, 45 e 10

Leggi... →