Caricamento...
Sei qui:  Home  >  Prima Pagina  >  Articolo corrente

Sochi 2014: Tina Maze vince il Gigante, quarta Nadia Fanchini

Di   /  18 Febbraio 2014  /  Nessun commento

TinaMaze-DLSOCHI 2014. Dopo aver vinto la medaglia d’Oro nella Discesa Libera, Tina Maze raddoppia conquistando il titolo olimpico dello Slalom Gigante: la slovena, dopo aver approfittato al massimo del primo pettorale di partenza nella prima manche, controlla il ritorno delle avversarie nella seconda discesa e mantiene al traguardo un vantaggio di 7 centesimi su Anna Fenninger. La campionessa olimpica di Vancouver, Viktoria Rebensburg, mette sul tavolo il miglior tempo nella discesa decisiva che le permette di risalire dal sesto posto al terzo gradino del podio che sfugge a Nadia Fanchini, settimo tempo per lei nella seconda, di solo 11 centesimi. La svedese Jessica Lyndell Vikarby, seconda in mattinata, affonda e si ritrova al settimo posto preceduta anche da Mikaela Shiffrin e dalla connazionale Pietilae-Holmner.

Denise Karbon, decima dopo la prima manche, esce di gara a metà della discesa decisiva mentre Francesca Marsaglia con il quarto tempo nella seconda manche recupera dieci posizioni e chiude sedicesima a 3″05 dalla Maze.

 

Risultati completi – Sci Alpino – Gigante Femminile

About

Manager di una multinazionale, da quasi 50 anni guardo allo sport con gli occhi sognanti dell'eterno ragazzo. Negli ultimi anni, fulminato dall'aria olimpica respirata nella mia Torino, ho narrato lo sport a cinque cerchi, quello che raramente trova spazio nei media tradizionali. Non disdegno divagazioni nel calcio, mettendo da parte l'anima tifosa, che può ancora regalare storie eccezionali da narrare a modo mio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Il Punto

    .....................................................

    21 Agosto 2016 12:35
    Il bilancio è positivo, ma manca il sistema

    MILANO. La Fiamma sta per spegnersi su un’Olimpiade controversa. Il bilancio non può che essere positivo, visto che siamo stati capaci di vincere in molti sport e di creare novità attorno a discipline poco considerate. Resta l’impressione di sempre. Quale? Semplice, all’Italia manca il sistema sportivo nazionale, manca quella lucida progettazione di sistema che progetti […]

  • Facebook

  • Pubblicità

  • Pubblicità

Potrebbe interessarti...

I numeri di un’Olimpiade finta: 312, 45 e 10

Leggi... →