Caricamento...
Sei qui:  Home  >  Prima Pagina  >  Articolo corrente

Bronzo Zoeggeler: entra nella leggenda delle Olimpiadi

Di   /  9 Febbraio 2014  /  Nessun commento

Zoeggeler-riflessoSOCHI 2014. Da oggi, Armin Zoeggeler è l’unico atleta che nella storia delle Olimpiadi (invernali ed estive) è stato in grado di conquistare nella stessa gara individuale sei medaglie olimpiche in sei edizioni consecutive, venti anni ai massimi livelli. Il quarantenne di Foiana ha conquistato a Sochi la medaglia di Bronzo, come giovanissimo a Lillehammer 1994 e a Vancouver 2010, che si unisce agli Ori di Salt Lake City 2002 e di Torino 2006 e all’Argento di Nagano 1998.

Dopo le prime tre manche la classifica era delineata in modo chiaro con distacchi inusuali per lo Slittino almeno per quanto riguardava le posizioni del podio. La parola d’ordine era per i protagonisti tenere i nervi saldi e non compiere errori tali da compromettere l’intera gara. Quando Armin Zoeggeler va in partenza, si segue l’ordine di classifica inverso, il leader provvisorio della classifica è il tedesco Langenhan che ha anche ottenuto il miglior tempo di manche con 52.095. L’azzurro aveva 457 centesimi di vantaggio, quasi mezzo secondo. Paga un po’ in partenza poi inizia ad allungare, perfetta la sua discesa. 51.994; dopo quattro discese il tedesco accusa un ritardo di 558 millesimi. Zoeggeler è sul podio, a 40 anni è nella leggenda.

Non sbaglia nulla neanche Demchenko, altro appartenente al gruppo degli ultraquarantenni: 51.852 e 795 millesimi di vantaggio su Armin. Chiude in bellezza Felix Loch che conquista, a ventiquattro anni, la seconda medaglia d’Oro consecutiva e ottiene per la terza volta il miglior tempo di manche. Per lui un Oro con 476 millesimi di vantaggio sul russo.

Dominik Fischnaller, alla prima Olimpiade, chiude al sesto posto dopo una seconda giornata di personalità mentre Emanuel Rieder è diciannovesimo

 

Risultati completi – Slittino Singolo Maschile

About

Manager di una multinazionale, da quasi 50 anni guardo allo sport con gli occhi sognanti dell'eterno ragazzo. Negli ultimi anni, fulminato dall'aria olimpica respirata nella mia Torino, ho narrato lo sport a cinque cerchi, quello che raramente trova spazio nei media tradizionali. Non disdegno divagazioni nel calcio, mettendo da parte l'anima tifosa, che può ancora regalare storie eccezionali da narrare a modo mio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Il Punto

    .....................................................

    21 Agosto 2016 12:35
    Il bilancio è positivo, ma manca il sistema

    MILANO. Il numero cinque fa pensare in questa domenica azzurra. Cinque come le Olimpiadi di Tania Cagnotto che, alla quinta Fiamma, vince un argento e un bronzo e chiude lì. La bolzanina ha insegnato a tutti una cosa: ci può essere un modo di interpretare l’appuntamento olimpico. Con serenità, con la serenità di chi sa […]

  • Facebook

  • Pubblicità

  • Pubblicità

Potrebbe interessarti...

I numeri di un’Olimpiade finta: 312, 45 e 10

Leggi... →