Caricamento...
Sei qui:  Home  >  Cinque Tondi  >  Articolo corrente

Da oggi sono gay, ma anche…

Di   /  18 Agosto 2013  /  Nessun commento

MILANO. Vedo le gare dei mondiali, vedo le unghie multicolore, vedo i baci, magari (spero per loro) con la lingua. E penso… che sono gay. E barbone e povero e negro e parja e strano e terrone e tutto quello che è diverso. In questa epoca in cui tutto deve apparire e niente essere, ci tocca anche la terribile disgrazia di vedere che ai mondiali di atletica leggera, in corso di svolgimento a Mosca, gli atleti, uomini che faticano e vivono davvero dentro i loro sogni e sulle loro piste, parlano, si alzano e protestano, in questo caso contro una legge liberticida, contro la famosa legge anti gay. Sì, poi c’è anche Yelena Isinbayeva, donna vicina al potere, che combina quello che ha combinato mettendosi vicino a Putin e poi ritrattando, ma il resto della truppa degli atleti è viva e protesta. Quello che mi fa incazzare, però, è ben altro: già, perché non mi pare di aver sentito, a differenza di quanto successo con gli atleti, alcun forte grido di protesta delle Federazioni nazionali, della Federazione internazionale o, quanto meno, una netta presa di posizione dello sport contro questa merda. Sì, qualcosina ci sarà, ma di ben diverso tenore doveva essere la protesta ufficiale, una protesta che non lasciasse soli gli atleti e le atlete che si dipingono le unghie dei colori dell’arcobaleno. E invece no, tutti i dignitari ben piegati a novanta gradi (e ben stipendiati) si sono distinti per ipocrisia. Zitti e… Mosca. Allora sono gay, ma anche molto, molto incazzato.

About

Di professione #sharindaddy, racconto storie da 30 anni. Ho un futuro dietro le spalle fatto di un Mondiale e due Olimpiadi, ma anche di esperienze giornalistiche in ogni tipo di medium (oh, è latino, mi raccomando). Amo il calcio, quello vero, ma da quando ho visto la fiamma olimpica non mi sono più riavuto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Il Punto

    .....................................................

    21 Agosto 2016 12:35
    Il bilancio è positivo, ma manca il sistema

    MILANO. Il numero cinque fa pensare in questa domenica azzurra. Cinque come le Olimpiadi di Tania Cagnotto che, alla quinta Fiamma, vince un argento e un bronzo e chiude lì. La bolzanina ha insegnato a tutti una cosa: ci può essere un modo di interpretare l’appuntamento olimpico. Con serenità, con la serenità di chi sa […]

  • Facebook

  • Pubblicità

  • Pubblicità

Potrebbe interessarti...

I numeri di un’Olimpiade finta: 312, 45 e 10

Leggi... →