Caricamento...
Sei qui:  Home  >  Prima Pagina  >  Articolo corrente

Europei Tuffi: Cagnotto
si arrende alla Punzel

Di   /  22 Giugno 2013  /  Nessun commento

Cagnotto-Finale_RostockTUFFI (Rostock). Tania Cagnotto non riesce a mettere le mani sul titolo continentale dal Trampolino 3 metri che le manca dall’edizione di Torino 2009. Nella finale dei Campionati Europei di Rostock, la ventottenne bolzanina si deve arrendere alla regolarità della tedesca, dieci anni più giovane di lei, Tina Punzel, outsider che sale per la prima volta sul podio europeo dopo il bronzo, sempre dai 3 metri, nella rassegna junior di due anni fa.

Il punteggio raggiunto dalla tedesca, che non si fa tradire dalle emozioni e non sbaglia un tuffo, è di 336.70 è alla portata di Tania Cagnotto che però non è nelle sue giornata migliori: sporca il tuffo d’esordio, un doppio e mezzo in avanti carpiato, e parte con un handicap di una manciata di punti, riesce a recuperare la vetta della classifica e a distanziare la preannunciata avversaria della vigilia, la russa Brazhina. Fa sicuramente meglio del mattino nel famigerato 107B, ancora lontano dalla perfezione, dove riesce a portare a casa però nulla più che la sufficienza. Prima dell’ultimo tuffo le due sono pressochè in piano di perfetto equilibrio: alla Punzel non tremano le gambe e porta a casa 66.00 punti. Tania chiude con un doppio e mezzo raggruppato all’indietro che è scarso, 61.50 punti per lei e medaglia d’Argento con 5.55 punti di vantaggio sulla Brazhina.

Maria Marconi, con una gara regolarissima, senza grandi spunti ma senza errori, cinque tuffi tra i 54.00 e i 77.50 punti chiude ancora una volta ai piedi del podio: è quarta con 314.50, a 11 punti e 60 centesimi dalla medaglia di bronzo.

 

————————
contenuto ceduto in esclusiva dall’agenzia alaNEWS. Riproduzione vietata. Anno 2013

About

Manager di una multinazionale, da quasi 50 anni guardo allo sport con gli occhi sognanti dell'eterno ragazzo. Negli ultimi anni, fulminato dall'aria olimpica respirata nella mia Torino, ho narrato lo sport a cinque cerchi, quello che raramente trova spazio nei media tradizionali. Non disdegno divagazioni nel calcio, mettendo da parte l'anima tifosa, che può ancora regalare storie eccezionali da narrare a modo mio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Il Punto

    .....................................................

    21 Agosto 2016 12:35
    Il bilancio è positivo, ma manca il sistema

    MILANO. Il numero cinque fa pensare in questa domenica azzurra. Cinque come le Olimpiadi di Tania Cagnotto che, alla quinta Fiamma, vince un argento e un bronzo e chiude lì. La bolzanina ha insegnato a tutti una cosa: ci può essere un modo di interpretare l’appuntamento olimpico. Con serenità, con la serenità di chi sa […]

  • Facebook

  • Pubblicità

  • Pubblicità

Potrebbe interessarti...

I numeri di un’Olimpiade finta: 312, 45 e 10

Leggi... →