Caricamento...
Sei qui:  Home  >  Prima Pagina  >  Articolo corrente

Hofer vince la Sprint 14 anni dopo Cattarinussi

Di   /  17 Gennaio 2014  /  Nessun commento

Lukas Hofer

Hofer e Schempp (Foto:FISI)

BIATHLON (Anterselva). Era marzo del 2000 e Lukas Hofer aveva dieci anni e mezzo quando Renè Cattarinussi vinse la Mass Start di Khanty Mansisk; da allora mai nessun italiano era salito sul gradino più alto del podio in una gara individuale della Coppa del Mondo di Biathlon. L’incantesimo è stato rotto oggi, non senza qualche minuto di incertezza, da Lukas Hofer che ha conquistato la vittoria nella Sprint di Anterselva. Perfetto nel tiro da terra, l’alfiere azzurro ha commesso un errore in piedi ma ha retto il colpo sugli sci stretti concludendo con lo stesso tempo del tedesco Schemmp, I telespettatori e tutti coloro presenti nello stadio di Anterselva in un primo momento hanno visto nelle immagini il cronometro dare un vantaggio di 3 centesimi al tedesco ma i cronometristi dell’IBU hanno rivisto i filmati accorgendosi che il transponder di Schempp si è fermato prima di avere tagliato il traguardo, in corrispondenza del passaggo di un concorrente ceco che precedeva di pochi centimetri il tedesco. La classifica è stata così aggiornata e Lukas Hofer ha potuto gioire per un risultato che entra nella storia del Biathlon azzurro.

About

Manager di una multinazionale, da quasi 50 anni guardo allo sport con gli occhi sognanti dell'eterno ragazzo. Negli ultimi anni, fulminato dall'aria olimpica respirata nella mia Torino, ho narrato lo sport a cinque cerchi, quello che raramente trova spazio nei media tradizionali. Non disdegno divagazioni nel calcio, mettendo da parte l'anima tifosa, che può ancora regalare storie eccezionali da narrare a modo mio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Il Punto

    .....................................................

    21 Agosto 2016 12:35
    Il bilancio è positivo, ma manca il sistema

    MILANO. Il numero cinque fa pensare in questa domenica azzurra. Cinque come le Olimpiadi di Tania Cagnotto che, alla quinta Fiamma, vince un argento e un bronzo e chiude lì. La bolzanina ha insegnato a tutti una cosa: ci può essere un modo di interpretare l’appuntamento olimpico. Con serenità, con la serenità di chi sa […]

  • Facebook

  • Pubblicità

  • Pubblicità

Potrebbe interessarti...

I numeri di un’Olimpiade finta: 312, 45 e 10

Leggi... →