Caricamento...
Sei qui:  Home  >  Cinque Tondi  >  Articolo corrente

Vado contro i paralimpici

Di   /  14 Luglio 2013  /  Nessun commento

MILANO. Oggi ne ho per tutti, anche per una delle persone che stimo di più nel mondo olimpico e che, se potessi voterei oggi per fargli avere la poltrona di numero uno del Coni: Luca Pancalli.

Luca Pancalli è nel mio mirino perché ha sviluppato il movimento sportivo paralimpico giovandosi di un meccanismo ben collaudato, ma a doppio taglio. Sto parlando del meccanismo dei personaggi faro che hanno trasformato il paralimpismo in quello che è oggi: un’ottima fabbrica di medaglie. A mio avviso, tuttavia, è mancato un lavoro per la base che è ancora a percentuali minime rispetto ai praticanti che sarebbe possibile avere in ogni sport. Certo uno Zanardi tira, fa moda e spettacolo, ha le possibilità e i soldi per arrivare fino al tetto del mondo, ma lo sport paralimpico fallisce la sua missione se si ricorda che ancora decine di migliaia sono i disabili che, per cultura e per vergogna, stanno rintanati e seduti dentro le case senza fare niente quanto potrebbero, magari, correre la maratona meglio dell’ex pilota. Per questo spero che Pancalli lotti non solo per avere i fondi ripristinati, ma anche per distribuirli sul reclutamento e l’operazione di allargamento della base. L’Italia non può non capire che il disabile che fa sport è un disabile che costa meno al sistema sanitario nazionale. E parliamo di botte da 2-3 mila euro ciascuno. Allora è un dovere provarci senza cadere nel minettismo di turno (non ce ne voglia la brava Minetti, lei non c’entra).

About

Di professione #sharindaddy, racconto storie da 30 anni. Ho un futuro dietro le spalle fatto di un Mondiale e due Olimpiadi, ma anche di esperienze giornalistiche in ogni tipo di medium (oh, è latino, mi raccomando). Amo il calcio, quello vero, ma da quando ho visto la fiamma olimpica non mi sono più riavuto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Il Punto

    .....................................................

    21 Agosto 2016 12:35
    Il bilancio è positivo, ma manca il sistema

    MILANO. Il numero cinque fa pensare in questa domenica azzurra. Cinque come le Olimpiadi di Tania Cagnotto che, alla quinta Fiamma, vince un argento e un bronzo e chiude lì. La bolzanina ha insegnato a tutti una cosa: ci può essere un modo di interpretare l’appuntamento olimpico. Con serenità, con la serenità di chi sa […]

  • Facebook

  • Pubblicità

  • Pubblicità

Potrebbe interessarti...

I numeri di un’Olimpiade finta: 312, 45 e 10

Leggi... →