Caricamento...
Sei qui:  Home  >  DIAMO I NUMERI  >  Articolo corrente

Con l’Argento di oggi, Innerhofer entra nella top five degli sciatori azzurri di sempre

Di   /  9 Febbraio 2014  /  Nessun commento

SOCHI 2014. Un giorno scriveremo la storia dello Sci azzurro e scopriremo che dopo Zeno Colò, Gustavo Thoeni e Alberto Tomba (espressi in stretto ordine cronologico), ad una incollatura da Pierino Gros, Christof Innerhofer è di assoluto diritto nella top cinque del settoe maschile per trofei e medaglie vinte. Il ventinovenne di Gais, è nato il 17 dicembre 1984, in carriera ha vinto tre medaglie mondiali tutte nel 2011, l’Oro in Superg, l’Argento in Combinata e il Bronzo in Discesa, alle quali oggi ha aggiunto la medaglia d’Argento olimpica in Discesa Libera, dopo il sesto posto in SuperG e l’ottavo in Combinata di Vancouver.

A questi trofei si possono aggiungere 11 podi in Coppa del Mondo con 6 vittorie (4 in Discesa, 1 in SuperG e 1 in SuperCombinata) e quinti terzi posti. Siamo di fronte ad un campione a tutto tondo che sa dare il meglio nelle occasioni che contano; quest’anno, ad inizio stagione, ci aveva dichiarato che il suo obiettivo era Sochi e in riva al Mar Nero ha emesso il primo squillo dopo una lunga rincorsa in Discesa: sesto a fine dicembre a Bormio dopo alcuni piazzamenti fuori dalla Top Ten, quinto il 25 gennaio a Kitzbuhel, la lenta salita prima del botto olimpico. Chapeau Inner.

 

SciA-Medaglie Maschili

 

 

About

Manager di una multinazionale, da quasi 50 anni guardo allo sport con gli occhi sognanti dell'eterno ragazzo. Negli ultimi anni, fulminato dall'aria olimpica respirata nella mia Torino, ho narrato lo sport a cinque cerchi, quello che raramente trova spazio nei media tradizionali. Non disdegno divagazioni nel calcio, mettendo da parte l'anima tifosa, che può ancora regalare storie eccezionali da narrare a modo mio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Il Punto

    .....................................................

    21 Agosto 2016 12:35
    Il bilancio è positivo, ma manca il sistema

    MILANO. La Fiamma sta per spegnersi su un’Olimpiade controversa. Il bilancio non può che essere positivo, visto che siamo stati capaci di vincere in molti sport e di creare novità attorno a discipline poco considerate. Resta l’impressione di sempre. Quale? Semplice, all’Italia manca il sistema sportivo nazionale, manca quella lucida progettazione di sistema che progetti […]

  • Facebook

  • Pubblicità

  • Pubblicità

Potrebbe interessarti...

I numeri di un’Olimpiade finta: 312, 45 e 10

Leggi... →