Caricamento...
Sei qui:  Home  >  Prima Pagina  >  Articolo corrente

Grand Prix: Final Six
raggiunte con brivido

Di   /  18 Agosto 2013  /  Nessun commento

Foto: FIVB.org

Foto: FIVB.org

PALLAVOLO (Kaohsiung). Una grande Italia piega la Turchia 3-2 (25-17, 25-18, 17-25, 15-25, 15-12) e si guadagna con pieno merito la qualificazione alle Final Six di Sapporo (28 agosto- 1 settembre). Dopo quella di ieri un’altra partita incredibile per le azzurre guidate da Paolo Tofoli, che hanno dominato in lungo e in largo i primi due set, per poi calare nel terzo e quarto. Gara e qualificazione allora si è decisa al tie-break, anche la Turchia di Barbolini in caso di successo si sarebbe qualificata, e le azzurre l’hanno spuntata con determinazione e autorità. Un risultato importante e non scontato alla vigilia per le ragazze di Mencarelli, reso ancora più complicato dalle assenze in alcune gare di questa tappa di Barcellini e De Gennaro (domani l’ecografia per stabilire i tempi di recupero). Le azzurre, però, non hanno mai mollato e nel momento decisivo hanno messo in mostra tutte le proprie qualità. Il tutto considerato che la formazione di partenza contro la Turchia era formata da sei giocatrici Under 23 (età media inferiore ai 22 anni). Alle Final Six di Sapporo insieme all’Italia si sono qualificate il Giappone (paese ospitante), Cina, Serbia, Stati Uniti e quasi sicuramente il Brasile. Le azzurre di Marco Mencarelli, tornano quindi alle Finali dopo un anno di assenza, chiudendo la fase a Pool con un bilancio di sette vittorie e due sconfitte.

Nella formazione di partenza odierna Paolo Tofoli ha schierato: Camera-Diouf, Bosetti e Fiorin schiacciatrici, centrali Folie e Chirichella, libero Gennari. Nel primo set le azzurre partono senza timori reverenziali e impongono subito il proprio ritmo. L’attacco dell’Italia gira alla perfezione, con in luce Fiorin e soprattutto Bosetti, efficace anche a muro. Al contrario la Turchia non riesce a ingranare e deve cedere (25-17). Nel secondo parziale la musica non cambia, Camera gestisce alle perfezione le sue attaccanti, in particolare Diouf. Le turche tentano una timida reazione, ma il servizio azzurro mette in difficoltà la ricezione avversaria, non permettendo il riavvicinamento (25-18). Sotto due set la Turchia si scuote e trascinata dal suo capitano Darnel (7 punti) prende immediatamente il largo. Le ragazze di Tofoli faticano a ritrovare lo smalto in attacco e nonostante gli ingressi di Sorokaite e Caracuta non riescono più a riportarsi a contatto, arrendendosi (17-25). Al rientro in campo la formazione di Barbolini replica la partenza sprint e dopo pochi scambi è già nettamente avanti. Il distacco aumenta con il prosieguo del set, l’attacco turco infatti non si ferma e fissa il punteggio sul (15-25). Il tie-break, in pratica una sorta di finale per le Final Six, risveglia le azzurre che iniziano in maniera convincente. Una volta avanti l’Italia resiste non trema e con grande lucidità e freddezza resiste alla rimonta turca, guadagnandosi vittoria e qualificazione (15-12).

 

———-

Fonte: Federvolley

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Il Punto

    .....................................................

    21 Agosto 2016 12:35
    Il bilancio è positivo, ma manca il sistema

    MILANO. Il numero cinque fa pensare in questa domenica azzurra. Cinque come le Olimpiadi di Tania Cagnotto che, alla quinta Fiamma, vince un argento e un bronzo e chiude lì. La bolzanina ha insegnato a tutti una cosa: ci può essere un modo di interpretare l’appuntamento olimpico. Con serenità, con la serenità di chi sa […]

  • Facebook

  • Pubblicità

  • Pubblicità

Potrebbe interessarti...

I numeri di un’Olimpiade finta: 312, 45 e 10

Leggi... →