Caricamento...
Sei qui:  Home  >  CERCHI E PALAZZI  >  Articolo corrente

Il governo taglia fondi
allo sport paralimpico

Di   /  8 Luglio 2013  /  1 Commento

Luca PancalliINCHIESTE. Ricevuti 8 milioni di euro nel 2012, il Comitato paralimpico si era già visto tagliare per l’anno in corso, nell’ottica dell’austerity galoppante, un taglio del 25%: asticella posta a 6 milioni di euro. Varrebbe forse la pena considerare che il contributo al CONI rimase di fatto immutato, superiore ai 400 milioni. Ma, fulmine a ciel sereno, il 28 giugno 2013 il Consiglio dei Ministri, nell’ottica dell’ennesima spending review, ha deciso di tagliare i fondi di altri 721.038 euro.

“Ci è giunta, venerdì scorso, una comunicazione, del tutto inattesa, da parte della Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento per gli Affari Regionali, il Turismo e lo Sport – Ufficio per lo Sport, di un corposissimo taglio di € 721.038,00 del finanziamento a disposizione del Comitato Italiano Paralimpico per l’anno 2013”, scrive il presidente del CIP, Luca Pancalli esprimendo tutto il suo sconcerto, “Confesso di essere rimasto esterrefatto di fronte a tale indicazione, giunta quando tutta l’attività è stata, da tempo, avviata e, peraltro, su un finanziamento di € 6.000.000,00, da parte dello Stato, per il 2013,  di circa € 2.000.000,00 inferiore al contributo del 2012. In base a questa comunicazione, che mina pesantemente un settore di assoluto rilievo dello sport italiano, il Comitato è obbligato, suo malgrado, a rivedere l’intera programmazione agonistica 2013 (molte selezioni Nazionali paralimpiche stanno svolgendo o svolgeranno in questi giorni competizioni di livello europeo e mondiale), senza contare che questa comunicazione mette a rischio le esigenze, peraltro inderogabili, delle federazioni paralimpiche FISIP e FISG, che parteciperanno ai prossimi Giochi Paralimpici Invernali di Sochi 2014. Mi sono immediatamente attivato perché si stabilisse un contatto diretto con la Presidenza del Consiglio dei Ministri ed il Sottosegretario all’Economia, al fine di individuare, quanto prima, una soluzione alternativa a quella comunicatami, allo scopo di preservare l’attività di un’organizzazione che, nello sport, ha sempre visto la chiave per l’inclusione e l’integrazione di milioni di persone nella società civile”.

Inutile che i nuovi tagli non hanno colpito il CONI.

Update: Letta rassicura Pancalli, “Farò tutto il possibile”

About

Manager di una multinazionale, da quasi 50 anni guardo allo sport con gli occhi sognanti dell'eterno ragazzo. Negli ultimi anni, fulminato dall'aria olimpica respirata nella mia Torino, ho narrato lo sport a cinque cerchi, quello che raramente trova spazio nei media tradizionali. Non disdegno divagazioni nel calcio, mettendo da parte l'anima tifosa, che può ancora regalare storie eccezionali da narrare a modo mio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Il Punto

    .....................................................

    21 Agosto 2016 12:35
    Il bilancio è positivo, ma manca il sistema

    MILANO. Il numero cinque fa pensare in questa domenica azzurra. Cinque come le Olimpiadi di Tania Cagnotto che, alla quinta Fiamma, vince un argento e un bronzo e chiude lì. La bolzanina ha insegnato a tutti una cosa: ci può essere un modo di interpretare l’appuntamento olimpico. Con serenità, con la serenità di chi sa […]

  • Facebook

  • Pubblicità

  • Pubblicità

Potrebbe interessarti...

I numeri di un’Olimpiade finta: 312, 45 e 10

Leggi... →