Caricamento...
Sei qui:  Home  >  Cinque Tondi  >  Articolo corrente

Le ragazze delle foto patinate

Di   /  23 Giugno 2013  /  Nessun commento

MILANO. Va bene, mi incazzo. Allora, spiegatemi perché due ragazze che hanno ribadito il loro valore nelle scorse ore in competizioni di livello europeo, dovevano anticipare il tutto con delle fotine simpatiche e semidiscinte. Sto parlando di Tania Cagnotto, finita mezza nuda su Playboy, ma anche della Di Francisca che ho visto immortalata in una foto con l’attrezzo e in reggiseno e tuta. Ecco, le ho guardate, devo dire ho guardato quelle foto, come hanno fatto tutti i maschietti scemi, già, perché i maschietti sono scemi. Tuttavia, quando ha smesso di ragionare il bassoventre, ho avuto un pensiero un po’ meno idiota: mi spiegate perché c’è qualcuno, negli entourage di queste atlete, che suggerisce loro di fare qualche fotina a pelle scoperta o perché decidono di farlo loro? Francamente sono stanco della dinamica mediatico editoriale che ci fa vedere prima le giovanotte discinte e poi vincenti, vorrei delle due si salvasse solo la seconda situazione. La verità è un altra: per queste ragazze c’è la necessità di avere una carriera fuori dai binari dello sport o di capitalizzare la loro esposizione, perché il sistema dello sport italiano non prevede la valorizzazione delle eccellenze di carriera dopo la carriera, se non in ruoli di tipo tecnico. E loro hanno vita breve nel cielo dello sport, poi devono iniziare la vera esistenza, avendo bisogno, come tutti, di soldini.

About

Di professione #sharindaddy, racconto storie da 30 anni. Ho un futuro dietro le spalle fatto di un Mondiale e due Olimpiadi, ma anche di esperienze giornalistiche in ogni tipo di medium (oh, è latino, mi raccomando). Amo il calcio, quello vero, ma da quando ho visto la fiamma olimpica non mi sono più riavuto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Il Punto

    .....................................................

    21 Agosto 2016 12:35
    Il bilancio è positivo, ma manca il sistema

    MILANO. Il numero cinque fa pensare in questa domenica azzurra. Cinque come le Olimpiadi di Tania Cagnotto che, alla quinta Fiamma, vince un argento e un bronzo e chiude lì. La bolzanina ha insegnato a tutti una cosa: ci può essere un modo di interpretare l’appuntamento olimpico. Con serenità, con la serenità di chi sa […]

  • Facebook

  • Pubblicità

  • Pubblicità

Potrebbe interessarti...

I numeri di un’Olimpiade finta: 312, 45 e 10

Leggi... →