Caricamento...
Sei qui:  Home  >  Notizie  >  Articolo corrente

Scherma: la squadra di Fioretto Femminile vince a San Pietroburgo

Di   /  28 Febbraio 2014  /  Nessun commento

Foto: Augusto Bizzi

Foto: Augusto Bizzi

SCHERMA (San Pietroburgo). Dopo la vittoria di Arianna Errigo ed il secondo posto di Elisa Di Francisca nell’individuale, torna a risuonare l’inno di Mameli a San Pietroburgo. Il “Dream Team” infatti continua nella sua striscia straordinaria, conquistando la vittoria nella prova a squadre che ha concluso la tappa russa del circuito mondiale di fioretto femminile. Il quartetto italiano composto da Arianna Errigo, Elisa Di Francisca, Valentina Vezzali e Carolina Erba, ha avuto la meglio in finale sulle padrone di casa della Russia, col punteggio di 45-32, dopo che in semifinale aveva sconfitto la Corea del Sud per 45-38 ed ai quarti l’Ungheria per 45-19. Viene ribadita quindi anche in terra di Russia la leadership del fioretto femminile azzurro sul palcoscenico internazionale. Il successo, infatti, è il quarto consecutivo del quartetto italiano: la striscia positiva, infatti, è iniziata a giugno agli Europei di Zagabria con la conquista del titolo italiano, a cui ha fatto seguito il successo ai Mondiali di Budapest 2013 e la vittoria della tappa d’esordio stagionale sempre in Ungheria.

Questa è squadra fantastica – ammette entusiasta il CT Andrea Cipressa –. Sebbene i punteggi palesano un largo vantaggio, ci sono stati dei momenti difficili durante i match che però le ragazze sono state capaci di superare. Questo significa che, oltre al talento, c’è anche la mentalità giusta. Adesso concentriamoci sulla prova maschile”.

Da domani, infatti, sulle pedane di San Pietroburgo, scatta il Grand Prix FIE di fioretto maschile, con in pedana ben otto atleti azzurri, tra cui i quattro olimpionici a squadra Andrea Baldini, Andrea Cassarà, Valerio Aspromonte e Giorgio Avola.

 

Fonte: Federscherma

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Il Punto

    .....................................................

    21 Agosto 2016 12:35
    Il bilancio è positivo, ma manca il sistema

    MILANO. Il numero cinque fa pensare in questa domenica azzurra. Cinque come le Olimpiadi di Tania Cagnotto che, alla quinta Fiamma, vince un argento e un bronzo e chiude lì. La bolzanina ha insegnato a tutti una cosa: ci può essere un modo di interpretare l’appuntamento olimpico. Con serenità, con la serenità di chi sa […]

  • Facebook

  • Pubblicità

  • Pubblicità

Potrebbe interessarti...

I numeri di un’Olimpiade finta: 312, 45 e 10

Leggi... →