Caricamento...
Sei qui:  Home  >  Prima Pagina  >  Articolo corrente

Slittino: Zoeggeler terzo dopo la prima manche. Strepitosi Demchenko e Loch

Di   /  8 Febbraio 2014  /  Nessun commento

Armin Zoeggeler (FISI.org)

Armin Zoeggeler (FISI.org)

SOCHI 2014. Armin Zoeggeler è in linea di navigazione verso la sesta medaglia in sei Olimpiadi dopo la prima manche della gara di Slittino delle Olimpiadi di Sochi. Il quarantenne di Foiana appare sulla pista di Sochi come il primo degli umani dietro a due prestazioni spaziali del russo, anche lui ultraquarantenne, Demchenko e del tedesco Felix Loch, l’unico teutonico all’altezza delle aspettative. In testa alla classifica provvisoria vi è il russo che è partito male ma ha recuperato lungo il percorso stampando il tempo di 52″170, 15 millesimi più veloce di Loch, in testa fino all’ultimo intertempo.

Zoeggeler, che non ha mostrato sbavature, si è ritrovato al traguardo con un fardello di ben 336 millesimi ma in una promettente terza posizione anche se per il terzo gradino del podio la classifica è molto corta con l’austriaco Egger a 58 millesimi dall’alfiere azzurro, Kindl a 80- Dominik Fischnaller che ha avuto l’onore e l’onere di aprire le discese ha fermato il cronometro sul tempo di 52″729, al nono posto della classifica provvisoria.

 

Risultati Completi – Slittino Singolo maschile – Prima Manche

About

Manager di una multinazionale, da quasi 50 anni guardo allo sport con gli occhi sognanti dell'eterno ragazzo. Negli ultimi anni, fulminato dall'aria olimpica respirata nella mia Torino, ho narrato lo sport a cinque cerchi, quello che raramente trova spazio nei media tradizionali. Non disdegno divagazioni nel calcio, mettendo da parte l'anima tifosa, che può ancora regalare storie eccezionali da narrare a modo mio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Il Punto

    .....................................................

    21 Agosto 2016 12:35
    Il bilancio è positivo, ma manca il sistema

    MILANO. Il numero cinque fa pensare in questa domenica azzurra. Cinque come le Olimpiadi di Tania Cagnotto che, alla quinta Fiamma, vince un argento e un bronzo e chiude lì. La bolzanina ha insegnato a tutti una cosa: ci può essere un modo di interpretare l’appuntamento olimpico. Con serenità, con la serenità di chi sa […]

  • Facebook

  • Pubblicità

  • Pubblicità

Potrebbe interessarti...

I numeri di un’Olimpiade finta: 312, 45 e 10

Leggi... →