Caricamento...
Sei qui:  Home  >  Notizie  >  Articolo corrente

Sochi 2014: Biathlon, Oro Mass Start a Svendsen. Windisch venticinquesimo

Di   /  18 Febbraio 2014  /  Nessun commento

Svendsen-FourcadeSOCHI 2014. Emil Svendsen strappa per pochi centimetri la medaglia a Martin Fourcade nella Mass Start maschile di Sochi, ultima gara individuale del programma olimpico. Il norvegese (alla prima vittoria olimpica di questa rassegna) ringrazia la propria precisione al poligono in una giornata particolarmente difficile dal punto di vista meteorologico con una fitta nevicata che ha messo a dura prova la resistenza degli atleti e la scorrevolezza degli sci.

Svendsen ha ingaggiato uno splendido duello con Martin Fourcade, il quale ha rimontato i secondi di ritardo accumulati dopo un errore nella serie iniziale e alla fine è prevalso nonostante abbia preferito non effettuare la spaccata sul traguardo, mentre il francese si è letteralmente gettato fallendo un clamoroso sorpasso per pochissimo. Il Bronzo è andato invece al ceco Ondrej Moravec. Fourcade, staccatosi a mezzo chilometro dalla conclusione dopo avere fatto gara di testa per gran parte della distanza.

Due gli azzurri al via. Dominik Windisch, all’esordio su questa distanza, ha commesso cinque errori (tre nella terza serie) terminando in venticinquesima posizione. “Purtroppo non avevo sci veloci e su questa neve era difficilissimo rimanere davanti”, ha dichiarato alla fine il giovane di Anterselva. Anche Lukas Hofer ha vissuto una difficile giornata al tiro con due errori in ciascuna delle due serie iniziali che lo hanno convinto a fermarsi quando era in grave ritardo per risparmiare energie in vista della staffetta mista di Mercoledì 19 febbraio che correrà insieme a Dominik Windisch, Karen Oberhofer e Dorothea Wierer.

 

Risultati completi – Biathlon – Mass Start maschile

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Il Punto

    .....................................................

    21 Agosto 2016 12:35
    Il bilancio è positivo, ma manca il sistema

    MILANO. Il numero cinque fa pensare in questa domenica azzurra. Cinque come le Olimpiadi di Tania Cagnotto che, alla quinta Fiamma, vince un argento e un bronzo e chiude lì. La bolzanina ha insegnato a tutti una cosa: ci può essere un modo di interpretare l’appuntamento olimpico. Con serenità, con la serenità di chi sa […]

  • Facebook

  • Pubblicità

  • Pubblicità

Potrebbe interessarti...

I numeri di un’Olimpiade finta: 312, 45 e 10

Leggi... →