Caricamento...
Sei qui:  Home  >  DOPING & CO  >  Articolo corrente

Sochi 2014: quinto caso di doping, EPO per l’austriaco Duerr

Di   /  23 Febbraio 2014  /  Nessun commento

Johannes Duerr (Foto: Frankie Fouganthin)

Johannes Duerr (Foto: Frankie Fouganthin)

SOCHI 2014. Nella immediata vigilia della partenza della 50 km di oggi il fondista austriaco Johannes Duerr è stato fermato perchè positivo all’EPO in un test condotto in Austria dove Duerr era ritornato, dopo aver partecipato alla Skiathlon di inizio Giochi, per preparare la maratona sugli sci stretti di oggi. Si tratta del quinto caso di doping alle Olimpiadi di Sochi, quattro anni fa a Vancouver se ne registrò solo uno, dopo gli stop degli ultimi due giorni per uso di stimolanti della biathleta tedesca Evi Sachenbacher, del bobbista azzurro Walter Frullani, della fondista ucraina Marina Lisogor e del giocatore di Hockey lettone Pavlovs.

Il presidente del Comitato Olimpico austriaco, che ha annunciato l’espulsione di Duerr, ha dichiarato “E’ un giorno nero per noi. Abbiamo applicato tutte le misure ed è un peccato che dopo tutte le vittorie austriache si registri questo caso di doping. Metteremo in atto in futuro tutte le misure per evitare casi simili. L’atleta ha confessato di essere l’unico responsabile di quanto ha fatto”.

 

About

Manager di una multinazionale, da quasi 50 anni guardo allo sport con gli occhi sognanti dell'eterno ragazzo. Negli ultimi anni, fulminato dall'aria olimpica respirata nella mia Torino, ho narrato lo sport a cinque cerchi, quello che raramente trova spazio nei media tradizionali. Non disdegno divagazioni nel calcio, mettendo da parte l'anima tifosa, che può ancora regalare storie eccezionali da narrare a modo mio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Il Punto

    .....................................................

    21 Agosto 2016 12:35
    Il bilancio è positivo, ma manca il sistema

    MILANO. Il numero cinque fa pensare in questa domenica azzurra. Cinque come le Olimpiadi di Tania Cagnotto che, alla quinta Fiamma, vince un argento e un bronzo e chiude lì. La bolzanina ha insegnato a tutti una cosa: ci può essere un modo di interpretare l’appuntamento olimpico. Con serenità, con la serenità di chi sa […]

  • Facebook

  • Pubblicità

  • Pubblicità

Potrebbe interessarti...

I numeri di un’Olimpiade finta: 312, 45 e 10

Leggi... →