Caricamento...
Sei qui:  Home  >  Notizie  >  Articolo corrente

Jordan Spieth, altro no
A Rio il golf è monco

Di   /  12 Luglio 2016  /  Nessun commento

La foto di Spieth del profilo twitter (credit twitter.com)

La foto di Spieth del profilo twitter (credit twitter.com)

GOLF. Jordan Spieth, Jason Day, Rory McIlroy e Dustin Johnson. Sono i nomi, in ordine sparso, dei primi quattro golfisti del ranking mondiale che hanno deciso di non partecipare alle Olimpiadi di Rio seguendo le preoccupazioni per la presenza del virus Zika. Oggi Spieth dovrebbe rendere note le sue motivazioni, ma nel frattempo è arrivata la dichiarazione del presidente dell’International Golf Federation che, dopo tutte queste defezioni che riguardano anche altri atleti, non così in alto in classifica “Questa situazione è un durissimo colpo – ha detto Peter Dawson, questo il numero uno del golf mondiale – alla validità del torneo di golf, ma sono propenso a pensare che vi sia stata una reazione esagerata ai problemi riguardanti Zika”. A suffragio di questa tesi va il fatto che sarà inverno, con una quantità di zanzare infinitamente inferiore rispetto all’estate, ma va detto che il golf è fra gli sport che si giocano all’aperto per il maggior numero di ore. Questo aumenta molto le possibilità di contatto con l’Aedes Aegypti, zanzara portatrice del virus.

Sono quattro, invece, gli azzurri del golf che hanno conquistato la qualificazione olimpica per Rio 2016. Allo scadere del ranking fissato dalla Federazione Internazionale staccano il pass olimpico Francesco Molinari e Nino Bertasio tra gli uomini, Giulia Molinaro e Giulia Sergas tra le donne. In Brasile il golf torna a far parte del programma olimpico dopo oltre un secolo. Gli azzurri certi della partecipazione a Rio 2016 sono 278 (145 uomini, 133 donne) in 28 discipline differenti, con 194 pass individuali.

About

Di professione #sharindaddy, racconto storie da 30 anni. Ho un futuro dietro le spalle fatto di un Mondiale e due Olimpiadi, ma anche di esperienze giornalistiche in ogni tipo di medium (oh, è latino, mi raccomando). Amo il calcio, quello vero, ma da quando ho visto la fiamma olimpica non mi sono più riavuto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Il Punto

    .....................................................

    21 Agosto 2016 12:35
    Il bilancio è positivo, ma manca il sistema

    MILANO. Il numero cinque fa pensare in questa domenica azzurra. Cinque come le Olimpiadi di Tania Cagnotto che, alla quinta Fiamma, vince un argento e un bronzo e chiude lì. La bolzanina ha insegnato a tutti una cosa: ci può essere un modo di interpretare l’appuntamento olimpico. Con serenità, con la serenità di chi sa […]

  • Facebook

  • Pubblicità

  • Pubblicità

Potrebbe interessarti...

I numeri di un’Olimpiade finta: 312, 45 e 10

Leggi... →