Caricamento...
Sei qui:  Home  >  Notizie  >  Articolo corrente

Tennis: Flavia Pennetta in finale a Indian Wells

Di   /  15 Marzo 2014  /  Nessun commento

FPennetta-IntervTENNIS. A 32 anni Flavia Pennetta raggiunge l’apice della sua carriera conquistando la finale nel torneo sul cemento di Indian Wells, non è un Grand Slam ma nel circuito è la prova che più è vicina per valore e prestigio ai magnifici quattro. La brindisina, testa di serie numero 20 del tabellone, dopo aver superato la wild card statunitense Taylor Townsend (6-3 6-7 6-3), Samantha Stosur (6-3 2-6 6-1), l’azzurra Camila Giorgi (6-2 6-1) e, in un ottovolante di emozioni, la statunitense Sloane Stephens (6-4 5-7 6-4) ha acquisito il diritto di affrontare in finale la polacca  Agnieszka Radwanska, testa di serie numero due e tre della classifica mondiale, superando in semifinale, in due set, la cinese Na Li, testa di serie numero uno del torneo.

Il più combattuto è stato il primo set dove il servizio non è stato un fattore con otto break di fila e Pennetta che ha servito per il parziale sul 5-4 e sul 6-5 per poi dover ripiegare sul tie break chiuso 7-5. Nel secondo set l’italiana ha avuto un piccolo passaggio a vuoto in apertura andando sotto 2-0. In quel momento ha avuto la lucidità di non disunirsi: contro break ed aggancio al quarto game, poi è salita in cattedra costringendo la rivale a giocare sempre in affanno, in difesa. Flavia ha definitivamente scardinato la ragnatela della Na Li, una delle giocatrici tatticamente più intelligenti del circuito: il break decisivo è arrivato all’ottavo gioco: 5-3, quindi nel game successivo l’azzurra ha recuperato da 0-30 chiudendo ai vantaggi la sfida: 6-3.

Grazie alla finale a Indian Wells l’azzurra, attualmente numero 21 Wta, è già sicura di salire in quattordicesima posizione. Dovesse conquistare il titolo diventerebbe numero 12.

 

About

Manager di una multinazionale, da quasi 50 anni guardo allo sport con gli occhi sognanti dell'eterno ragazzo. Negli ultimi anni, fulminato dall'aria olimpica respirata nella mia Torino, ho narrato lo sport a cinque cerchi, quello che raramente trova spazio nei media tradizionali. Non disdegno divagazioni nel calcio, mettendo da parte l'anima tifosa, che può ancora regalare storie eccezionali da narrare a modo mio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Il Punto

    .....................................................

    21 Agosto 2016 12:35
    Il bilancio è positivo, ma manca il sistema

    MILANO. La Fiamma sta per spegnersi su un’Olimpiade controversa. Il bilancio non può che essere positivo, visto che siamo stati capaci di vincere in molti sport e di creare novità attorno a discipline poco considerate. Resta l’impressione di sempre. Quale? Semplice, all’Italia manca il sistema sportivo nazionale, manca quella lucida progettazione di sistema che progetti […]

  • Facebook

  • Pubblicità

  • Pubblicità

Potrebbe interessarti...

I numeri di un’Olimpiade finta: 312, 45 e 10

Leggi... →