Caricamento...
Sei qui:  Home  >  Prima Pagina  >  Articolo corrente

Fioretto: a Torun 2016
Un argento molto amaro

Di   /  25 Giugno 2016  /  Nessun commento

Torun, 24 june 2016 European Fencing Championships V day in photo: VOLPI Alice, DI FRANCISCA Elisa, ERRIGO Arianna e BATINi Martina Photo Augusto Bizzi

Torun, 24 june 2016
European Fencing Championships V day
in photo: VOLPI Alice, DI FRANCISCA Elisa, ERRIGO Arianna e BATINi Martina Photo Augusto Bizzi

SCHERMA. Ha un sapore più amaro invece la medaglia d’argento vinta dalla Nazionale azzurra di fioretto femminile. Il Dream Team di fioretto femminile scende dal gradino più alto del podio, da dove era inchiodato sin dalla rassegna continentale di Plovdiv2009, dopo la sconfitta in finale ancora ad opera della Russia dell’ex Ct azzurro Stefano Cerioni, col punteggio di 45-38.
Arianna Errigo, Elisa Di Francisca, Alice Volpi e Martina Batini, non riescono a ripetere per la terza volta di fila la rimonta vincente che aveva contraddistinto le finali degli Europei 2014 e 2015. La squadra del CT Andrea Cipressa, testa di serie numero 1 del tabellone, aveva vinto per 44-25 il match dei quarti di finale contro la Svezia, per poi superare in semifinale l’Ungheria col punteggio di 45-29.
“E’ ovvio che dispiace non aver confermato l’oro – dice il Commissario tecnico Andrea Cipressa -. Abbiamo commesso degli errori che, ovviamente, contro avversarie così quotate non possiamo permetterci. Non bisogna gettare la croce addosso a qualcuna, perché si vince e si perde in squadra. Questa sconfitta non rovina di certo il lavoro di questi quattro anni ed, anzi, acuisce l’amarezza di non poter contare su questa squadra a Rio2016″.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Il Punto

    .....................................................

    21 Agosto 2016 12:35
    Il bilancio è positivo, ma manca il sistema

    MILANO. Il numero cinque fa pensare in questa domenica azzurra. Cinque come le Olimpiadi di Tania Cagnotto che, alla quinta Fiamma, vince un argento e un bronzo e chiude lì. La bolzanina ha insegnato a tutti una cosa: ci può essere un modo di interpretare l’appuntamento olimpico. Con serenità, con la serenità di chi sa […]

  • Facebook

  • Pubblicità

  • Pubblicità

Potrebbe interessarti...

I numeri di un’Olimpiade finta: 312, 45 e 10

Leggi... →