Caricamento...
Sei qui:  Home  >  Prima Pagina  >  Articolo corrente

Magnussen re dei 100 sl
Dotto solo ottavo

Di   /  1 Agosto 2013  /  Nessun commento

VideoFinaliBARCELLONA 2013. Luca Dotto due anni fa a Shanghai era nella finale dei 100 metri stile libero, chiuse al settimo posto in 48.24. Così come del lotto degli otto ai blocchi di partenza dell’atto finale c’erano James Magnussen, oro due anni fa, Fabien Gilot (quinto) e Nathan Adrian, sesto. Il resto dei finalisti di Barcellona è costituito da nuovi protagonisti:  il diciannovenne australiano McEvoy, il russo Morozov, il brasiliano Chierighini e lo statunitense Feigen. E’, come in ogni edizione poco da fare, la finale delle finali. Chi vince i 100 metri stile libero, come avvenne per due volte a Filippo Magnini, entra di peso nella storia del nuoto.

Parte a tutta il russo Morozov che passa in 21″94, meglio del record del mondo ma nel ritorno si imballa paurosamente e si affida alla muta degli inseguitori. E’ arrivo al fulmicotone: tocca per primo, come due anni fa, l’australiano Magnussen che si conferma in 47″71, la medaglia d’Argento va  a James Feigen (47″82) mentre il Bronzo è di Nathan Adrian. Morozov paga la sua partenza sconsiderata e si spegne al quinto posto. Luca Dotto fà l’errore di battezzare le caviglie di Fabien Gilot che lo tiene lontano dalla muta che conta ma soprattutto, visto che le probabilità di medaglia erano remote, da un tempo come si attendeva: non riesce a migliorare quanto fatto in semifinale ed è ottavo in 48″58.

 

About

Manager di una multinazionale, da quasi 50 anni guardo allo sport con gli occhi sognanti dell'eterno ragazzo. Negli ultimi anni, fulminato dall'aria olimpica respirata nella mia Torino, ho narrato lo sport a cinque cerchi, quello che raramente trova spazio nei media tradizionali. Non disdegno divagazioni nel calcio, mettendo da parte l'anima tifosa, che può ancora regalare storie eccezionali da narrare a modo mio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Il Punto

    .....................................................

    21 Agosto 2016 12:35
    Il bilancio è positivo, ma manca il sistema

    MILANO. Il numero cinque fa pensare in questa domenica azzurra. Cinque come le Olimpiadi di Tania Cagnotto che, alla quinta Fiamma, vince un argento e un bronzo e chiude lì. La bolzanina ha insegnato a tutti una cosa: ci può essere un modo di interpretare l’appuntamento olimpico. Con serenità, con la serenità di chi sa […]

  • Facebook

  • Pubblicità

  • Pubblicità

Potrebbe interessarti...

I numeri di un’Olimpiade finta: 312, 45 e 10

Leggi... →