Caricamento...
Sei qui:  Home  >  CERCHI E PALAZZI  >  Articolo corrente

Sochi 2014: premi per le medaglie, Italia terza

Di   /  10 Febbraio 2014  /  Nessun commento

OroSochiCERCHI E PALAZZI. Nella classifica dei più generosi solo Kazakhstan e Lettonia precedono l’Italia. La stampa russa stila la classifica dei premi promessi dai vari comitati olimpici ai rispettivi atleti in caso di medaglia ai Giochi di Sochi e al primo posto ci sono i kazaki: 183 mila euro per l’Oro, 110 mila per l’Argento e 55 mila euro per il Bronzo. In questa speciale graduatoria occupa il secondo posto la Lettonia con 141 mila euro per il titolo a cinque cerchi, 70.500 per la seconda piazza e 50.500 per la terza. Il Coni in realtà non è cosi distante, anzi: solo il premio per l’Oro è leggermente inferiore (140 mila euro) ma l’Argento viene ricompensato con una cifra superiore a quella lettone (75 mila euro) e per il Bronzo la cifra è pressochè’ identica (50 mila). A seguire Estonia e Ucraina, solo sesta la Russia padrona di casa: 83 mila, 52 mila e 35 mila euro i premi stabiliti in caso di medaglia. Solo dodicesimo posto, dietro anche Svizzera, Francia, Olanda, Finlandia e Giappone, per gli Stati Uniti (18 mila euro per l’Oro, 11 mila per l’Argento e 7 mila per il Bronzo).

Non sono previsti bonus per gli atleti di Gran Bretagna, Norvegia, Croazia e Svezia. Da Stoccolma si sono giustificati con l’investimento annuo da 8 milioni di euro per la preparazione olimpica degli atleti. Caso diverso quello della Corea del Sud, che ai suoi rappresentanti offre in alternativa ai tradizionali premi una “pensione olimpica” a vita da 676, 507 o 355 euro mensili a seconda del metallo messo al collo.

 

———-

Fonte: Federginnastica

About

Manager di una multinazionale, da quasi 50 anni guardo allo sport con gli occhi sognanti dell'eterno ragazzo. Negli ultimi anni, fulminato dall'aria olimpica respirata nella mia Torino, ho narrato lo sport a cinque cerchi, quello che raramente trova spazio nei media tradizionali. Non disdegno divagazioni nel calcio, mettendo da parte l'anima tifosa, che può ancora regalare storie eccezionali da narrare a modo mio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Il Punto

    .....................................................

    21 Agosto 2016 12:35
    Il bilancio è positivo, ma manca il sistema

    MILANO. Il numero cinque fa pensare in questa domenica azzurra. Cinque come le Olimpiadi di Tania Cagnotto che, alla quinta Fiamma, vince un argento e un bronzo e chiude lì. La bolzanina ha insegnato a tutti una cosa: ci può essere un modo di interpretare l’appuntamento olimpico. Con serenità, con la serenità di chi sa […]

  • Facebook

  • Pubblicità

  • Pubblicità

Potrebbe interessarti...

I numeri di un’Olimpiade finta: 312, 45 e 10

Leggi... →