Caricamento...
Sei qui:  Home  >  Prima Pagina  >  Articolo corrente

Sochi 2014: solo Arianna Fontana nella giornata azzurra

Di   /  10 Febbraio 2014  /  Nessun commento

FONTANA_640SOCHI 2014. E’ stata una giornata di transizione, e lo era anche nelle attese, quella di oggi per i colori azzurri. Emerge la figura di Arianna Fontana (voto:7) che vince in scioltezza la sua batteria dei 500 metri e contribuisce con il resto della squadra (voto:6,5) alla qualificazione per la finale della Staffetta nonostante qualche brivido di troppo. Stupisce l’eliminazione di Martina Valcepina (voto: 5) mentre rientrava nell’ordine delle cose la prestazione di Elena Viviani (voto: 5,5). In campo maschile è sfortunato in semifinale Yuri Confortola (voto:6,5) mentre Dotti esce subito (voto: 5,5).

Qualche attesa era riposta nell’Inseguimento del Biathlon anche se il formato non era dei più congeniali ai nostri: Lukas Hofer (voto:6) non riesce mai a mettere il suo nome nei primi dieci mentre Dominik Windisch fallsice al poligono (voto:5,5) e Christian De Lorenzi è troppo lento sugli sci (voto:5). Nello Slittino femminile, stupisce nella prima manche ma crolla nella seconda la giovane Andrea Voetter (voto: 6 come media del 7 della prima manche e il 5 della seconda). Sandra Gasparini (voto: 6,5) conferma il suo livello e Sandra Robatscher paga il suo esordio olimpico (voto: 6). Nel Pattinaggio di Velocità, Mirko Nenzi (voto:5,5) e David Bosa (voto:6) rompono il ghiaccio mentre nelle Moguls Giacomo Matiz (voto:6) è il primo degli esclusi dalla finale.

Poco vi è da dire sulla Supercombinata femminile che sulla base dell’atteggiamento da test delle nostre appare ingiduciabile: Federica Brignone è l’unica a finire, Francesca Marsaglia esce nello Slalom, Daniela Merighetti prova il ginocchio e Elena Fanchini non entusiasma in Libera.

About

Manager di una multinazionale, da quasi 50 anni guardo allo sport con gli occhi sognanti dell'eterno ragazzo. Negli ultimi anni, fulminato dall'aria olimpica respirata nella mia Torino, ho narrato lo sport a cinque cerchi, quello che raramente trova spazio nei media tradizionali. Non disdegno divagazioni nel calcio, mettendo da parte l'anima tifosa, che può ancora regalare storie eccezionali da narrare a modo mio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Il Punto

    .....................................................

    21 Agosto 2016 12:35
    Il bilancio è positivo, ma manca il sistema

    MILANO. Il numero cinque fa pensare in questa domenica azzurra. Cinque come le Olimpiadi di Tania Cagnotto che, alla quinta Fiamma, vince un argento e un bronzo e chiude lì. La bolzanina ha insegnato a tutti una cosa: ci può essere un modo di interpretare l’appuntamento olimpico. Con serenità, con la serenità di chi sa […]

  • Facebook

  • Pubblicità

  • Pubblicità

Potrebbe interessarti...

I numeri di un’Olimpiade finta: 312, 45 e 10

Leggi... →