Caricamento...
Sei qui:  Home  >  CERCHI E PALAZZI  >  Articolo corrente

Tennis: Tunisia sospesa,
ha impedito partita contro israeliano

Di   /  2 Novembre 2013  /  Nessun commento

Coppa DavisCERCHI E PALAZZI. E’ accaduto tre settimane fa: il miglior tennista tunisino, Malek Jaziri, doveva incontrare nell’ATP Challenger di Tashkent l’israeliano Amir Weintraub nei quarti di finale ma si ritirò prima di scendere in campo. Poteva essere un ritiro come molti, ma il fratello di Jaziri ha reso pubblica una email inviata dalla Federazione tunisina e ricevuta da Malek. “A seguito di una riunione con il ministro della Gioventù e dello Sport”, vi si legge, “abbiamo il dispiacere di informarti che ti è ordinato di non giocare contro il tennista israeliano”.

All’epoca dei fatti, l’ATP, che ha giurisdizione solo sui singoli tennisti, girò la gestione della vicenda alla Federazione Internazionale, ITF. Oggi, nell’incontro del Consiglio della ITF che si è svolto a Cagliari in occasione della finale di Fed Cup, la Federazione ha deciso che, pur non essendovi alcuna colpa da parte di Malek Jaziri, la Tunisia ha infranto le regole interferendo nello svolgimento della attività sportiva internazionale. All’unanimità il Consiglio ha votato l’esclusione della Tunisia dalla Coppa Davis 2014″. “Non vi è spazio per pregiudizi di ogni natura”, ha commentato il presidente Francesco Ricci Bitti, “il Consiglio ha deciso di mandare un messaggio forte che questo tipo di comportamento non sarà tollerato da parte di alcuno”.

 

About

Manager di una multinazionale, da quasi 50 anni guardo allo sport con gli occhi sognanti dell'eterno ragazzo. Negli ultimi anni, fulminato dall'aria olimpica respirata nella mia Torino, ho narrato lo sport a cinque cerchi, quello che raramente trova spazio nei media tradizionali. Non disdegno divagazioni nel calcio, mettendo da parte l'anima tifosa, che può ancora regalare storie eccezionali da narrare a modo mio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Il Punto

    .....................................................

    21 Agosto 2016 12:35
    Il bilancio è positivo, ma manca il sistema

    MILANO. Il numero cinque fa pensare in questa domenica azzurra. Cinque come le Olimpiadi di Tania Cagnotto che, alla quinta Fiamma, vince un argento e un bronzo e chiude lì. La bolzanina ha insegnato a tutti una cosa: ci può essere un modo di interpretare l’appuntamento olimpico. Con serenità, con la serenità di chi sa […]

  • Facebook

  • Pubblicità

  • Pubblicità

Potrebbe interessarti...

I numeri di un’Olimpiade finta: 312, 45 e 10

Leggi... →