Autore: Luigi Pellicone

Luigi Pellicone

43 anni, laureato in Lettere Moderne giornalista dal 2007. Da quando la serie A ha deciso di fare a meno del mio talento, ho riversato i miei lampi di classe nella scrittura. Seguo sport e politica sul campo senza soluzione di continuità. Circondato da sole donne in famiglia, mi preparo per le Olimpiadi fra 3000 siepi, salto in alto, in lungo e corsa a ostacoli, inseguendo, spesso invano, il mio inaffidabile labrador. Alle spalle, un paio di vite spese fra agenzie di stampa, quotidiani e siti web. Un presente e un futuro ovviamente, tutto da scrivere

Italia Team, tempo di bilanci dopo Budapest. La rassegna iridata ha lasciato in eredità diverse indicazioni e la prospettiva di un futuro quanto mai azzurro. La spedizione ha fruttato quattro medaglie, il doppio rispetto all’edizione di Eugene e, soprattutto, la consapevolezza di avere una squadra competitiva in vista di Parigi 2024. Allargando lo spettro alle discipline olimpiche, il quadro è confortante: 37 le medaglie conquistate in questo 2023. Dieci e lode: le medaglie d’oro Lo sport italiano ha conquistato, sinora, dieci medaglie d’oro: voce grossa, come consuetudine, la fa la scherma che ha portato in dote quasi la metà del…

Read More

Lukaku alla Roma. Una scommessa per i giallorossi e per Josè Mourinho ma anche per il calciatore belga, che è convinto di vincerla, abituato com’è, a correre controvento a caccia di soddisfazioni e successi. La sua carriera, del resto, è una missione. Calciatore per vocazione e necessità. Una vita in salita e una promessa alla mamma La storia di Lukaku, che cercherà di convincere gli scettici all’ombra del Colosseo, è quella di una scalata continua. Sempre sui pedali, sin da piccolo, quando ha promesso alla madre che piangeva perché doveva allungare il latte con l’acqua, di diventare un calciatore. Non…

Read More

Weekend indimenticabile per l’Italia del Pentathlon Moderno ai Mondiali: Elena Micheli e Alice Sotero colorano di azzurro lo Sports Training Village dell’Università di Bath (Inghilterra). Una doppietta che permette alle due atlete, che hanno già staccato il pass per Parigi 2024, di mostrare muscoli e talento in vista dei Giochi Olimpici. Elena e Alice, una conferma e una certezza Elena Micheli, che si era già aggiudicata le finali di Coppa del Mondo ad Ankara, si è confermata sul gradino più alto del podio bissando l’affermazione dello scorso anno, quando ha vinto ad Alessandria d’Egitto. L’atleta romana si è portata a…

Read More

Lo sport toglie, dà e restituisce. Una favola in tre atti a lieto fine, quella di Femke Bol che vive una settimana da raccontare a figli, nipoti e pronipoti. Dalle stalle alle stelle: da una caduta a un passo dalla medaglia d’oro, a un’impresa che resterà a lungo nella storia dell’atletica leggera femminile. E in mezzo, due titoli mondiali in due specialità. Primo atto, Staffetta mista 4×400: la caduta della Dea Il mondiale di Budapest non era certamente iniziato nel migliore dei modi per la 23enne olandese che nella staffetta mista 4×400 si rende protagonista della “caduta della dea”. Una…

Read More

Serie A, si parte. Tutti a caccia del Napoli Campione d’Italia che ha dominato il torneo dello scorso anno e si presenta ai nastri di partenza della stagione 2023/2024 senza Luciano Spalletti, artefice del terzo scudetto. La vittoria comunque ha lasciato in eredità, oltre alla gioia di un successo che mancava da 34 anni, anche un importante effetto simpatia. Il Napoli ha incrementato, e non di poco, il proprio numero di tifosi, anche se la vetta è ancora lontana. Ecco per chi tifano… i tifosi. I numeri non mentono: la Juventus regna sovrana Il tifo in serie A è piuttosto…

Read More

Al via i mondiali di atletica leggera. Budapest ospiterà l’evento da sabato 19 a domenica 27 agosto. C’è una legittima attesa per i colori azzurri, anche in virtù degli straordinari risultati ottenuti negli ultimi Giochi Olimpici e a Cracovia. Non solo medaglie però, perché a Budapest si gareggia per il titolo mondiale ma anche per staccare il pass in vista di Parigi 2024. Le speranze di medaglia azzurre Nell’ultima edizione di Eugene, l’Italia ha chiuso al diciannovesimo posto nel medagliere grazie a due medaglie: l’oro di Massimo Stano, ottenuto nei 35 km di marcia, e il bronzo di Elena Vallortigara,…

Read More

Nuovo capitolo legato alla partecipazione di atleti provenienti dalla Russia e dalla Bielorussia a Parigi 2024 che, secondo la BBC, hanno, agli occhi della Wolrd Athletics, un’alta percentuale di “improbabilità” di competere ai giochi olimpici che si disputeranno fra un anno nella capitale francese. Il “no” della World Athletics  contro il CIO Le parole di Lord Coe, il due volte campione olimpico e presidente di World Athletics (ex IAAF) lasciano poco spazio alle interpretazioni: “Siamo stati molto chiari”. L’Ente ha bandito i concorrenti dei due paesi dai suoi eventi, anche se partecipassero sotto bandiera neutrale, a causa dell’invasione russa dell’Ucraina.…

Read More

Poche ore ai mondiali di atletica leggera: Budapest regalerà tante storie da raccontare ma dall’Inghilterra, al netto del risultato finale che conseguirà, arriva un’atleta che ha già vinto: Charlotte Payne, lanciatrice sorda del lancio dl martello. Due volte campionessa britannica Il lancio del martello è, notoriamente, una delle specialità che richiede una preparazione particolare sia fisica che tecnica. La 21enne ha vinto gli ultimi due titoli britannici, migliorando il suo record personale, lanciando a oltre 72 metri, ed è pronta a fare il suo debutto ai Campionati del Mondo a Budapest, coronando il suo sogno. Adesso può competere contro alcuni…

Read More

Neymar ha scelto la via dei petrodollari. Il calciatore brasiliano spenderà il finale della sua carriera in un calcio meno competitivo ma molto più remunerativo. In tanti si interrogano sul perché un fuoriclasse abbia preferito facili guadagni a grandi vittorie. In questo senso, una risposta arriva dai numeri… abbastanza impietosi: Neymar, all’appuntamento che conta, da quando è stato chiamato a trascinare la squadra, non ci è arrivato mai. Primo e unico successo internazionale in Europa, nel Barcellona di Luis Enrique. Poi, a Parigi dove ha spesso deluso. Esattamente come nel Brasile. 222 milioni di euro per non vincere mai in…

Read More

LeBron James a Parigi per una “Last Dance” con la nazionale USA alla soglia dei 40 anni? Un’ipotesi, anzi molto di più, che oltreoceano sta prendendo sempre di più corpo. Uno dei migliori cestisti di tutti i tempi potrebbe rispondere all’ultima grande chiamata della carriera. A caccia del poker La presenza di LeBron a Parigi 2024 è una idea assai affascinante. Si tratterebbe di un ritorno in un grande torneo internazionale dopo 12 anni, quando a Londra the “King” vinse il suo secondo oro indossando la canotta a stelle e strisce, dopo quello di Pechino. La scelta dovrebbe avvenire a…

Read More

Il giorno dopo Ferragosto, lo sport equestre celebra il Palio di Siena: giostra di origine medievale, si corre in onore della Madonna Assunta e le sue origini risalgono al 1200. Una storia straordinaria fatta di sport, tradizione, identità e, soprattutto, rivalità. Il Palio: un po’ di storia Sin dai primi del 1200 vi sono testimonianze risalenti a corse di cavalli a Siena, una delle città più ricche, colte e influenti del Medioevo. Il Palio rappresentava la corsa in onore di Maria Vergine Assunta e, allora come oggi, vi erano dei veri e propri “deputati” che si dividevano onori e oneri…

Read More

Manchester City – Siviglia è una finale inedita e assegna il primo trofeo della stagione calcistica: la Supercoppa UEFA. In palio, il trofeo conteso tra le squadre vincitrici di Champions League e della Europa League. Un trofeo giovane: ha solo 50 anni La Supercoppa celebra i suoi 50 anni, sebbene non sia stata disputata con regolarità: non si è giocato nel 1974, 1981 e 1985. Più evento che trofeo, celebra l’apertura della nuova stagione calcistica europea. Fino al 2000 questo trofeo si era giocato fra la vincente della Coppa dei Campioni/Champions League e la Coppa delle Coppe. Dopo la soppressione…

Read More

Ferragosto a fortissime tinte azzurre. La nazionale italiana di pallavolo, campione d’Europa in carica, cercherà di difendere il titolo esordendo contro la Romania a Verona. Un inizio molto morbido per le azzurre che, dopo essere finite fuori dal podio nell’ultima Nations League, vanno a caccia di nuove soddisfazioni e soprattutto di un posto per Parigi 2024. Favorite con qualche novità e due assi nella manica Le scelte del CT Davide Mazzanti, come quelle di ogni commissario tecnico, sono state divisive: 14 le atlete convocate. Spicca il ritorno in nazionale di Paola Egonu che non ha partecipato alla Nations League 2023.…

Read More

Spalletti in nazionale? Una soluzione ideale, anzi… di più: dati alla mano, l’uomo giusto al posto giusto. Il tecnico toscano, neo campione d’Italia, si inserirebbe perfettamente nel tessuto tecnico: ha caratura internazionale, è un tecnico, preparato, vincente e soprattutto capace di cercare e trovare spesso soluzioni ideali in base alla rosa a disposizione. E in questo senso, l’eredità dall’ormai ex CT Roberto Mancini si adatta perfettamente alle idee di gioco del suo possibile successore. Perché Spalletti è l’uomo giusto al posto giusto Dall’azzurro del Napoli a quello della nazionale, tutte le strade portano a Certaldo, a pochi chilometri da Coverciano.…

Read More

Il Belgio torna culla delle due ruote e si coccola una generazione di ciclisti straordinaria. Nel femminile, la migliore del… Lotte è la Kopecky, che si conferma di un’altra categoria rispetto alle avversarie e si porta a casa il titolo mondiale in linea di ciclismo femminile. Ciliegina sulla torta di una stagione straordinaria e chi sa se irripetibile. Il Belgio ha una nuova cannibale Una “cannibale”, la belga, classe 1995, che ha riportato nel paese mitteleuropeo un titolo che mancava dal 1973. In carriera è tra le Élite dal 2014 e ha vinto un titolo mondiale su strada, sei titoli…

Read More

Una notte indimenticabile per Jannik Sinner. Il tennista altoatesino ha finalmente rotto il sortilegio e al terzo tentativo (dopo aver perso la finale di Miami nel 2021 e nello scorso aprile) si è portato a casa un Master 1000 in quel di Toronto. In un’ora e mezza di partita, mai realmente in discussione, è maturato il 6-4, 6-1 sull’australiano De Minaur che deve ancora rimandare il suo appuntamento con il primo titolo Una vittoria che fa tanto morale e molto ranking L’italiano si è portato a casa l’ottavo titolo in carriera, l’83esimo del tennis italiano. Al netto del sospirato successo,…

Read More

L’addio di Roberto Mancini alla nazionale italiana è un fulmine a ciel sereno arrivato… con un certo ritardo rispetto alle previsioni. Da tempo l’atmosfera era pesante e già nello scorso giugno si vociferava di una possibile rottura. La tempistica però, ha sorpreso tutti. L’ormai ex Commissario Tecnico della nazionale italiana, 25 mesi dopo Wembley e alla vigilia di impegni fondamentali in vista delle qualificazioni ai prossimi europei, dopo una riorganizzazione dei quadri evidentemente non gradita, ha detto basta. Mancini ha un precedente. Come Conte… Non è comunque la prima volta che in estate… cambia il clima e si rivoluzionano gli…

Read More

Nick Kyrgios ancora lontano dai campi da tennis. L’australiano non giocherà gli US Open e chiuderà così, nel peggiore dei modi possibili, un 2023 da dimenticare al più presto. Appena una partita giocata in questa stagione, complice le difficoltà legate al recupero dall’infortunio al ginocchio e alla conseguente operazione. E così, dalla finale di Wimbledon giocata e persa contro Djokovic, il tennista australiano si ritroverà fuori dalle prime 100 posizioni del ranking. Un incubo infinito: obiettivo 2024 Nel 2022, senza ombra di dubbio, si è visto il miglior tennis di Kyrgios. Al netto della finale di Wimbledon, il ragazzo, che…

Read More